giovedì 9 Luglio 2020
Altre aree

    Tracce di nuova Coreografia, il progetto della Compagnia Xe al Teatro Niccolini

    Il 22 ottobre due spettacoli in cartellone: giovani coreografi emergenti alla ricerca di nuovi linguaggi personali

    SAN CASCIANO – Tracce di nuova Coreografia è il progetto a cura della Compagnia Xe dedicato al lavoro di giovani coreografi emergenti a sostegno della ricerca di un personale linguaggio coreografico. 

     

    Durante la serata di martedì 22 ottobre alle ore 21 saranno presentati al Teatro Comunale Niccolini di San Casciano due lavori coreografici: "Riflessi lucidi di un mondo perduto" di e con Erica Meucci e Luciano Ariel Lanza e "Limen" di e con Angela Placanica

     

    "Riflessi lucidi di un mondo perduto": sullo sfondo di un mondo futuribile, due solitudini si incontrano in un paesaggio desolato e disabitato: dove la vita non è più movimento e relazione, ecco un ultimo tentativo di invertire la rotta; un percorso attraverso la mente e il corpo per ipotizzare il futuro dell’umanità.

     

    Coreografia e interpretazione Erica Meucci e Luciano Ariel Lanza, progetto luci Luciano Ariel Lanza, tecnico luci Francesco Margarolo. Produzione Compagnia Xe Luciano Ariel Lanza ha ottenuto il Premio nazionale "Sfera d'oro per la Danza" 2019

     

    "Limen": Liminalità è la qualità dell’ambiguità o del disorientamento, [..] uno stato emotivo dove si sta sulla soglia tra un modo precedente ed uno nuovo. In scena un corpo sulla soglia in uno stato transitorio tra ciò che è e ciò che sarà.

     

    Coreografia e interpretazione Angela Placanica, progetto musicale Simone Placanica, tecnico luci Francesco Margarolo, produzione Compagnia Xe

     

    Per info e prenotazioni: Teatro Comunale Niccolini Via Roma, 47.  Biglietti euro 5,00 posto unico 055 8290193; [email protected]

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...