spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano: viale Pascoli, chiusura temporanea per lavori stradali di Publiacqua

    La polizia locale ha emesso un'ordinanza per la chiusura al transito di viale Pascoli da domani, martedì 18 aprile, al 21 aprile

    SAN CASCIANO – Si prevedono tre giorni molto complicati per il traffico nel capoluogo sancascianese.

    Per consentire lo svolgimento dei lavori a cura di Publiacqua infatti, la polizia locale dell’Unione comunale del Chianti fiorentino ha disposto un’ordinanza che prevede che da domani, martedì 18, al 21 aprile viale Pascoli sarà chiusa al transito all’altezza dell’attraversamento pedonale con piazza Zannoni.

    I provvedimenti, istituiti dall’ordinanza, sono il divieto di sosta con rimozione forzata, la chiusura della corsia di marcia di viale Pascoli in direzione Siena-Firenze dalle ore 9 alle ore 17 di ciascun giorno.

    E’ stato inoltre istituito un percorso alternativo in direzione Firenze, per chi proviene da Mercatale, Calzaiolo, Bargino, Ponterotto.

    La chiusura di viale Pascoli in direzione Firenze tra la rotatoria di piazza Giacomo Matteotti e piazza Livio Zannoni ha richiesto anche una deviazione del trasporto pubblico locale per i servizi in direzione Chiesanuova/Scandicci Galluzzo/Firenze.

    Autostazione San Casciano – via Terracini – (sx) via Tommaso Corsini – Piazza della Repubblica (fermata provvisoria Gallo Nero) – (dx) su piazza Alcide de Gasperi – via dei Fossi (fermata provvisoria fronte Chianti Banca) – Rotatoria Piazza Zannoni – (sx) SR 2 via Cassia per Firenze da dove riprende il regolare percorso.

    Saranno effettuate pertanto due fermate provvisorie in piazza della Repubblica e in via dei Fossi.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...