spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Cassiano, il sindaco Roberto Ciappi: “La festa è tornata ai tempi pre-Covid”

    Il commento del primo cittadino sancascianese a margine delle celebrazioni del santo patrono: "Grande aflluenza"

    SAN CASCIANO – Ha partecipato, come da tradizioni, a tutte le iniziative inserite nelle celebrazioni del santo patrono, San Cassiano.

    E il giorno dopo la giornata clou, quella di domenica 13 agosto, il sindaco Roberto Ciappi traccia un primo bilancio.

    “Siamo stati felici di celebrare l’epilogo di questa straordinaria festa di metà agosto – inizia – che ancora una volta ha lasciato che il nostro senso di comunità si esprimesse libero e vitale come la storia, le radici, la cultura delle origini del Chianti autentico insegnano al mondo”.

    Tantissime sono state le persone che hanno preso parte ai numerosi appuntamenti religiosi e civili della festa patronale di San Cassiano.

    Tra cui la cena di sabato 12 agosto in piazza Cavour, la Fiera in piazza della Repubblica, la celebrazione della Santa Messa in Propositura, la successiva processione per le vie del paese, guidata da don Massimiliano Gori.

    E poi il concerto della banda “Oreste Carlini” e, infine, i tradizionali fuochi d’artificio.

    “Un clima caloroso e accogliente ha avvolto San Casciano, la festa è tornata in piena vitalità, come prima del Covid” continua il primo cittadino.

    “Questo – conclude – non può che renderci felici e grati: grazie alla parrocchia di San Casciano e a tutta la nostra comunità”.

     

    I “fochi” ripresi dal drone

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...