domenica 9 Agosto 2020
Altre aree

    Dario Pettini (con “Il Tempo delle Cattedrali”) trionfa nel Sanca’s Got Talent

    L'X Factor al Parco del Poggione, organizzato dal Tribù Bar della Festa dell'Unità. Si sono sfidati in 14

    SAN CASCIANO – E' stato Dario Pettini, con "Il Tempo delle Cattedrali" (di Riccardo Cocciante per "Notre Dame de Paris") a trionfare nell'edizione 2019 del Sanca's Got Talent, l'X Factor… alla sancascianese organizzato dal Tribù Bar nell'ambito della Festa dell'Unità al Parco del Poggione.

     

    Mercoledì 10 luglio Pettini ha battuto Alessandro Tanini, che ha cantato "Animante" dei Nomadi, e Alessio Calamai, che chitarra alla mano si è esibito in "Caste on the hill" di Ed Sheeran.

     

    A giudicarli una giuria composta da Mauro Masi (cantante), Stefano Fornera (cantante, dj, chitarrista), Matteo Pucci (direttore del Gazzettino del Chianti), Marco Gargini (collaboratore Chianti Sette), Luca Bianchi (musicista, consigliere Accademia Musicale di San Casciano).

     

    A condurre Alessandro Masti, storico speaker di Radio Toscana, che si è esibito anche in un paio dei suoi proverbiali scherzi al telefono.

     

     

    Questi gli altri partecipanti: Leandro Bruno (“Blue suede shoes” di Elvis Presley); Giulia Tricarico (“I have nothing” di Whitney Houston); Beatrice Bianchi (“La donna del mio amico” dei Pooh); Enzo Lazzerini (“Ci vorrebbe il mare” di Marco Masini); Aine e Toby (“Aine e Toby mix”); Fabio Di Gioia (“Esatto” di Francesco Salvi); Marisa Carboni (“Sono solo parole” di Noemi); Viking (“Creep” dei Radiohead); David Cherubini (“Grace Kelly” di Mika); Roberto Spinelli (“Istrione” di Charles Aznavour); Aurora Monticini (“I’m not dead” di Pink).

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino