spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Santa Gennara, festa ridotta a causa del Covid-19. Benedetta anche una Madonna restaurata in via Gramsci

    Si trova sopra al forno di Beppe Scialabba. E' stata soprannominata la Madonna del Grano. E ai suoi lati sono state dipinte due spighe

    MERCATALE (SAN CASCIANO) – Mercatale ha festeggiato la sua Patrona, Santa Gennara vergine e martire. L’ha festeggiata in modo intimo, molto diverso rispetto agli anni scorsi. 

    Lunedì 27 luglio alle 18 è stata celebrata la Santa Messa nella chiesa di Santa Maria Assunta, in piazza Vittorio Veneto: i fedeli, guidati dai volontari hanno occupato i posti come da protocollo nel rispetto del distanziamento sociale, igienizzazione delle mani e mascherina.

    La chiesa ben presto si è riempita. A celebrare la Messa è stato don Alessio Cintolesi, che nel 2007-2008 era stato pro parroco insieme a don Fulvio Capitani.

    E da don Francesco Bolognesi, parroco di Mercatale, che ha avuto parole di elogio verso don Alessio, don Luca Bolognesi e il diacono di Campoli Mario Gazzeri.

    Alla fine della Messa don Alessio, insieme agli altri parroci, ha attraversato la chiesa portandosi all’esterno. Per benedire il paese con la reliquia di Santa Gennara.

    Un’immagine ci ha riportato al 24 marzo scorso, in piena emergenza-pandemia. quando in una piazza Cavour vuota don Massimiliano Gori aveva impartito la benedizione del paese di San Casciano con le reliquie di San Cassiano.

    Anche in questo caso piazza Vittorio Veneto era assolutamente vuota, le uniche persone erano in chiesa.

    Al lato dell’altare è stata esposta Santa Gennara e su un lato il suo bellissimo dipinto, con sullo sfondo la chiesa di Mercatale e le rovine di Cartagine, opera di Enrica Lazzeretti.

    In occasione della festa, nella mattina don Francesco si è recato in via Gramsci: qui, al civico numero 16, ha benedetto l’immagine della Madonna racchiusa in una vecchia nicchia in pietra.

    Immagine fatta restaurare da Giuseppe Scialabba: essendo posta sopra l’ingresso del vecchio forno, è stata nominata la Madonna del Grano. Tanto che ai suoi lati Silvia Degli Innocenti ha disegnato due spighe di grano.

    E’ stata una festa ridotta, come d’altronde impone la normativa per il Covid-19: dunque niente “fochi”, rimandati (si spera) all’edizione 2021 di Santa Gennara.  

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...