spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Primi movimenti dei “grillini” nel Chianti: fra riflessioni e scelte dolorose

    CHIANTI FIORENTINO – La scelta era nell'aria da mesi e, anche se ancora non ufficializzata, filtra ormai senza tante remore.

     

    Alle elezioni amministrative che si terranno alla fine di maggio il MoVimento 5 Stelle non avrà né lista né candidato sindaco a San Casciano.

     

    Una scelta non da poco, visto che parliamo di uno dei comuni cardine di questo territorio. Una scelta che forse parte da lontano, dal successo elettorale del 2009 della lista civica Futuro Comune.

     

    Un successo alle urne che però si è tradotto in un completo fallimento sia a livello di consiglio comunale, sia a livello di costruzione di un'identità e di un percorso.

     

    Una sorta di batosta per il mondo della "politica civica" sancascianese, che è andato poi probabilmente a influire anche su quello che dopo si è strutturato come MoVimento 5 Stelle: che a San Casciano pare proprio non aver trovato le persone giuste per poter attecchire.

     

    Permangono invece le riflessioni sugli altri quattro comuni del Chianti fiorentino dove si rinnoveranno sindaci e consigli comunali: Bagno a Ripoli, Barberino Val d'Elsa, Greve in Chianti, Tavarnelle.

     

    Riflessioni che partono dalle questioni pratiche, dai programmi, per poi andare alla ricerca di eventuali candidati: ma ad oggi non si sa, neanche per questi quattro comuni, se ci sarà un candidato sindaco. E chi sarà.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...