mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    Si stacca un grosso ramo da un leccio in viale San Francesco: passante sfiorato mentre sta camminando

    "Ho appena fatto in tempo a sentire il rumore - ci dice indicando il punto in cui si è staccato il ramo - e spostarmi. Mi è caduto accanto"

    SAN CASCIANO – Sono giorni molto complicati questi di fine luglio per le alberature del comune di San Casciano. E per chi è chiamato a risponderne, ovvero l’amministrazione comunale.

    # Domani diretta Facebook sulla caduta del pino: dalle 19 il sindaco Roberto Ciappi in diretta sui social

    Mercoledì sera lo schianto al suolo del grosso pino nei giardini del Piazzone, con un bilancio di due feriti che, vedendo come si è svolta la vicenda, è un vero e proprio miracolo.

    Oggi pomeriggio, venerdì 31 luglio, nel Piazzone si diffonde una voce: “E’ caduto un altro ramo, ha sfiorato un uomo”.

    Andiamo sul posto, e casualmente troviamo proprio l’uomo che, attorno alle 17, mentre stava camminando lungo viale San Francesco, è stato quasi preso in testa dal grosso ramo di un leccio.

    “Ho appena fatto in tempo a sentire il rumore – ci dice indicando il punto in cui si è staccato il ramo – e spostarmi. Mi è caduto accanto”.

    Il leccio dal quale si è staccato il ramo

    “Avevo lasciato l’auto al parcheggio dei Chisci – aggiunge – per andare agli studi medici nel centro storico. E’ andata davvero bene”.

    Siamo nel bellissimo viale che porta, dal Teatro Niccolini, alla chiesa di San Francesco e alla Torre del Chianti. E, appunto, al grande parcheggio dei Chisci.

    Il ramo era già stato rimosso, ma vedendo gli altri del leccio, e lo “spazio” lasciato vuoto da quello caduto, se fosse finito addosso all’uomo non sarebbe stato certo indolore.

    L’uomo al quale è quasi caduto addosso il ramo del leccio si allontana

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino