spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Storie Sospese” il 3 settembre al Politeama di Poggibonsi: prenotazioni aperte fino ad esaurimento posti

    SAN CASCIANO – Si chiama "Storie Sospese" ed è un film prodotto dalla Faso Film in associazione con ChiantiBanca.

     

    La storia racconta di un gruppo di rocciatori rimasti senza lavoro dopo la chiusura dell'ennesimo cantiere delle grande opere, fra difficoltà economiche e famiglie da mantenere.

     

    Il protagonista Thomas (Marco Giallini) si spinge così fino a un paesino dell'Abruzzo dove il vecchio “collega di roccia” Ermanno (Antonio Gerardi) gestisce una piccola impresa e gli offre un lavoro.

     

    Il luogo di lavoro è di una socialità che non è più abituato  a vivere: qui incontra la combattiva insegnante Giovanna (Maya Sansa) e il giovane geologo Alessandro (Alessandro Tiberi) che lo affianca, insieme a dinamiche lavorative "poco chiare", che costringeranno Thomas a prendere una scelta… .

     

    Per la regia di Stefano Chiantini, ha un cast di grandissimo livello: spiccano Marco Giallini, Maya Sansa, Alessandro Tiberi, Antonio Gerardi, Pietro Bontempo, Simonetta Solder, Giorgio Colangeli, Sandra Ceccarelli.

     

    Sarà in tutte le sale dal prossimo 3 settembre: e proprio in quel giorno, alle 21.15 al Teatro Politeama di Poggibonsi, alla presenza del regista e del cast, verrà proiettato in anteprima nazionale in una serata riservata ai soci di ChiantiBanca.

     

    Chi fosse interessato può quindi prenotarsi chiamando il numero di telefono 0558255239 entro il 31 agosto (l'ingresso è gratuito per i soci e fino ad esaurimento posti).

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua