spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Svastiche disegnate nella casa del popolo di Cerbaia. Il Pd San Casciano: “Non è una bravata”

    "Chiunque riproponga questi simboli in determinati luoghi è contrario alla democrazia, alla libertà di espressione, alla pace e alla giustizia sociale"

    SAN CASCIANO – E’ durissimo il Partito democratico di San Casciano nel commentare quanto accaduto ieri alla casa del popolo di Cerbaia.

    Dove, per la seconda volta in due anni e mezzo, sono state disegnate sulle pareti due svastiche.

    # Ancora svastiche disegnate (e incise) sulle pareti della casa del popolo di Cerbaia

    “Quello che è successo alla casa dal popolo di Cerbaia – dicono dal Pd di San Casciano – non è una sciocchezza o una bravata”.

    “La svastica – proseguono – simbolo del nazismo, significa morte, distruzione, supremazia del forte sul debole, annientamento della diversità e della complessità, dittatura e guerra”.

    “Chi utilizza questi simboli – rimarcano – deve sapere che non è uno scherzo”.

    “La svastica – puntualizzano – è anticostituzionale, chi si riconosce in essa è fuori dalla Costituzione e ne mina i valori mettendo in discussione la nostra Repubblica!”.

    “Desta preoccupazione – rilanciano – il fatto che la svastica sia stata disegnata sulle pareti di una casa del popolo”.

    “Circa 100 anni fa – ricordano ancora dal Pd sancascianese – i fascisti e gli squadristi assaltarono le Camere del lavoro, i circoli dei partiti, le case del popolo, seminando paura e morte, con il fine di porre le basi della dittatura”.

    “Chiunque riproponga deliberatamente alcuni simboli in determinati luoghi – concludono – è contrario alla democrazia, alla libertà di espressione, alla pace e alla giustizia sociale. Teniamo tutti insieme alta la guardia senza sottovalutare quanto accaduto”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...