spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 25 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sventolano le bandiere della pace: sabato e domenica tutti in piazza nel Chianti fiorentino

    Manifestazioni in piazza, marce tra i borghi, letture con i cittadini nei tre comuni di Greve in Chianti, San Casciano e Barberino Tavarnelle

    CHIANTI FIORENTINO – Il Chianti fiorentino scende in piazza contro la guerra.

    Tre manifestazioni, tre diversi presidi con le comunità mobilitate per la difesa della pace.

    I Comuni, le associazioni, i circoli, le parrocchie, le organizzazioni sindacali, gli istituti scolastici, i cittadini di Greve in Chianti, San Casciano, Barberino Tavarnelle, lanciano uniti il loro grido di denuncia contro una guerra ingiusta e inaccettabile.

    “A poche ore dall’esplosione del conflitto non vogliamo solo affermare la necessità di affermare i valori della pace – dichiarano i sindaci Paolo Sottani, Roberto Ciappi, David Baroncelli – ma esprimere la nostra netta contrarietà all’invasione militare in Ucraina. E’ urgente e essenziale che in ogni luogo del nostro paese e del mondo si promuova la cessazione della guerra, un’unica voce per chiedere al governo di attivarsi nelle sedi internazionali e interrompa le ostilità tra Russia e Ucraina”.

    Da domani, sabato 26, a domenica 27 si alterneranno nelle piazze e per le vie dei centri storici dei tre comuni iniziative di protesta pacifica contro la guerra, accompagnate da letture e interventi istituzionali.

    A Greve in Chianti piazza Matteotti accoglierà l’evento organizzato dal Coordinamento per la Pace e patrocinato dal Comune, in programma sabato 26 febbraio alle ore 17.

    A Barberino Tavarnelle la comunità si mette in marcia lungo il camminamento che unisce Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle nell’ambito di un’iniziativa promossa dal Comune, in collaborazione con le associazioni del Tavolo per la pace e l’Istituto comprensivo “Don Lorenzo Milani”.

    L’iniziativa è prevista sabato 26 febbraio alle ore 16.30 in partenza dalla pineta di Barberino Val d’Elsa con arrivo in piazza Matteotti a Tavarnelle alle ore 17.30 dove sono attese le letture di alcuni rappresentanti delle associazioni locali.

    A San Casciano domenica 27 febbraio alle ore 18 si snoderà un corteo per le vie del centro storico con ritrovo in via Machiavelli davanti al palazzo comunale.

    L’iniziativa poi culminerà in piazza della Repubblica davanti al Monumento ai Caduti con un’alternanza di interventi istituzionali.

    “Invitiamo tutti a partecipare e ad aderire alle manifestazioni del Chianti contro la violenza – commentano i sindaci – Siamo tutti chiamati al dovere civile e morale di opporre uno stop forte e deciso alla guerra esortando il governo a promuovere un accordo politico tra le parti che riconduca la pace nel paese europeo invaso dalla Russia”.

    Nell’esprimere forte preoccupazione per il dramma che si sta consumando nell’Europa dell’est i sindaci invitano inoltre i cittadini ad esporre all’esterno delle loro abitazioni le bandiere con i colori della pace.

    “Un piccolo ma significativo gesto – aggiungono – che testimonia l’unità di intenti e la nostra vicinanza a tutti coloro che sentono minacciato il diritto alla vita, non ci daremo pace se non la otterremo”.

    Le comunità del Chianti fiorentino sono quindi invitate a partecipare alle iniziative contro l’aggressione russa in Ucraina.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...