spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nel teatro sancascianese viene portato sul palco l’ultimo lavoro della Compagnia Xé

    Sabato 26 (alle 21.30) e domenica 27 gennaio (alle 17), presso il Teatro Comunale Niccolini di San Casciano, prima nazionale di "UaU", un'indagine sulla memoria e sull'assenza di memoria, sui ricordi e sulle amnesie messa in scena dalla Compafnia Xé.
     

    Uno spettacolo di teatrodanza in cui il tempo dell’azione è un assoluto presente, con tempi della memoria e tempi dell’ipotesi che vi s’infiltrano senza preavviso, a volte sotto altre vesti, a volte con prepotenza e altre sommessamente. Proseguendo l’analisi di una tematica così complessa come quella della memoria, su cui la Compagnia lavora da qualche anno, il nuovo spettacolo UaU… fa riferimento a processi che coinvolgono i ricordi d’infanzia, e quegli aspetti della fragilità umana che spesso possono diventare veri punti di forza.
     

    Utilizzando un metodo che fa riferimento alla memoria e all’immaginazione, la coreografa insieme alle danzatrici della compagnia, esplora le “intermittenze del cuore” e i loro ritmi per tradurli in movimento e per restituirli all’armonia di una danza che comunica la ricerca di profondità e di emozione. Le opere dello scultore Alberto Giacometti (1901-1966), i racconti dello scrittore Dylan Thomas (1914-1953) e le poesie di Wistawa Szymborska, hanno sollecitato le intuizioni delle tre interpreti.

    Coreografia: Julie Ann Anzilotti. Interpreti: Paola Bedoni, Giulia Ciani, Julie Ann Anzilotti. Musiche: J. Cage, J. Adams, M. Bourne. Scena: Tiziana Draghi. Costumi: Loretta Mugnai. Consulenza artistica: Carla Chiti.

     

    Info: 0558290193 – 3497877621, www.compagniaxe.it, compagniaxe3@gmail.com.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...