spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un libro e un podcast sulla strage di via dei Georgofili: la presentazione oggi alla Festa de l’Unità di San Casciano

    “Cratere – La strage di Via dei Georgofili” esce oggi sulle piattaforme online; “Sventrati – Vivere Sopra” è il libro di Tiziana Giuliani

    SAN CASCIANO – Sono passati 30 anni ormai da quel 27 maggio 1993, quando una autobomba esplose in via dei Georgofili, davanti alla Torre dei Pulci, e causò la completa distruzione dell’Accademia dei Georgofili, il danneggiamento di 12 ettari del centro storico di Firenze e la morte cinque innocenti.

    Fu un tragico avvenimento inserito in una serie di stragi eversive compiute dalla mafia con l’obiettivo di ricattare settori dello stato italiano.

    Per ricordare quanto accaduto e per parlare di legalità oggi, venerdì 7 luglio, alle ore 19, avrà luogo un evento sul parco “Dante Tacci” (il Poggione), all’interno del programma della Festa dell’Unità di San Casciano.

    Evento che vedrà coinvolti gli organizzatori della festa, l’Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili, la scrittrice e attrice Tiziana Giuliana e la casa editrice Chiria – Chianti Editoria.

    Infatti sarà partendo proprio da due progetti realizzati in memoria della strage che si svilupperà l’evento.

    La casa editrice Chiria – Chianti Editoria, in collaborazione con l’Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili, presenterà il podcast “Cratere – La strage di Via dei Georgofili”.

    Un podcast che esce proprio oggi, venerdì 7 luglio. E che racconta le cause, la cronaca e gli effetti di quei momenti terribili.

    Lo fa tramite una disamina della situazione socio politica dei primi anni Novanta, per poi analizzare nel dettaglio la notte tra il 26 e il 27 maggio grazie alle parole di chi quella notte era lì ed è sopravvissuto all’attentato mafioso.

    “Un progetto realizzato insieme all’associazione – raccontano dalla casa editrice – Per racchiudere ciò che accadde in quei giorni di 30 anni fa. Abbiamo scelto il formato podcast per rendere il racconto fruibile a chiunque e per incontrare anche la parte più giovane della società che quegli anni non li ha vissuti”.

    È un progetto che avrà una distribuzione nazionale e che potrà essere ascoltato sulle maggiori piattaforme online come Spotify e Google Podcast.

    Insieme alla presentazione del podcast, verrà presentato anche il libro “Sventrati – Vivere Sopra” di Tiziana Giuliani.

    L’opera, pubblicata quest’anno dalla casa editrice Chi Più Ne Art di Roma e inserita nella collana Le Nebulose, si ispira alla storia di un giovane pompiere, oggi vigile del fuoco a Firenze, di nome Simone Mannelli e a come un evento come l’attentato in via dei Georgofili possa incidere sulla vita di un giovane ragazzo.

    Il racconto di quella notte è basato sulle interviste fatte proprio dalla scrittrice ai vigili del fuoco che 30 anni fa erano tra i soccorritori.

    L’anno scorso è andato in scena lo spettacolo teatrale collegato all’opera letteraria al Teatro Niccolini di San Casciano. Il successo che hanno avuto lo spettacolo stesso e il libro hanno spinto l’autrice a riportare in scena l’opera, con l’appoggio sia dei vigili del fuoco di Firenze sia dell’Associazione.

    “Già prima della realizzazione del libro – racconta Tiziana Giuliani – Il rapporto con l’Associazione tra i familiari delle vittime della strage di via dei Georgofili era ben saldo. Abbiamo collaborato più volte in numerosi eventi in ricordo di quella strage e della lotta alla mafia. Lo abbiamo fatto anche con questo libro che ha ricevuto importanti riconoscimenti”.

    L’opera editoriale infatti ha partecipato al Premio Artigogolo, aggiudicandosi il primo premio dell’VIII edizione nella sezione “drammaturghi in azione”. 

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...