spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Rotto lo schermo per il cinema all’aperto nella piazzetta dentro le mura

    Grande successo per la festa di fine anno al “Parco La Botte” dove i 500 inBanda in collaborazione con Associazione La Botte, Associazione ABC e con il Patrocinio del Comune di San Casciano, hanno saputo gestire la serata in maniera perfetta, nel senso del divertimento sano e nel rispetto delle regole (clicca qui per vedere le foto della serata). Alle 9.30 del primo dell’anno nell’area intorno al Parco non c’era neanche un foglio per terra, come se ancora dovesse iniziare la festa. 

     

    E se a “ La Botte” è filato tutto liscio, un gesto vandalico ha lasciato il segno nella piazzetta dentro le mura, nel capoluogo sancascianese, dove è stato preso come bersaglio lo schermo posto sulla parete, dove in estate vengono proiettati film all’aperto.

     

     

    Due grossi fori sul lato alto, hanno squarciato lo schermo, e probabilmente per fare ciò, è stato usato un sasso, forse lo stesso che abbiamo fotografato ai piedi dello stesso. Questo è stato l’ultimo gesto vandalico, perché già in precedenza era stato forato in più punti nella parte bassa con delle sigarette accese.

     

    Da tempo i residenti hanno segnalato che durante la notte nella piazzetta succede di tutto, sedie scaraventate per terra, schiamazzi e volgarità (c’è chi fa perfino i propri bisogni fisiologici, non pubblichiamo la foto che abbiamo scattato, basta affacciarsi al cancello per rendersene conto). Oltre al danno una brutta figura, anche perché lì, c’è l’ingresso al museo. Per il resto fuochi e botti hanno fatto da padroni in una notte fredda piena di tante speranze.      

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...