spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vandali e teppisti, ancora devastazione nel Piazzone: abbattuta la statua di Antonio Crivelli

    Distrutta in più parti. E poi (di nuovo) vetri dei lampioni infranti, transenne gettate sotto le mura, danni allo sportello Enel. Una vergogna infinita

    SAN CASCIANO – Stavolta hanno davvero esagerato i vandali, teppisti che nella notte di venerdì 28 luglio hanno sradicato dal basamento dell’aiuola degli artisti, vicino alla vasca dei giardini pubblici in piazza della Repubblica (il Piazzone), a San Casciano, una statua.

    Si tratta dell’opera in marmo rosa del Portogallo di Antonio Crivelli, “Madre e Figlio 2010”: una fusione tra madre e bambino, nella dimensione della maternità.

    E pensare che l’artista, nel collocare qui l’opera, voleva rivolgersi in particolare ai giovani. E a tutti coloro che intendono raccontarsi attraverso le molteplici forme dell’arte.

    Difficile da spiegarlo a degli ignoranti che nella notte si sono sentiti “grandi” nell’atto di strappare dal basamento la pesante figura che, ricadendo, si è spaccata in più punti.

    Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Stazione di San Casciano, con il comandante Maurizio Neri, oltre al sindaco Roberto Ciappi e all’assessora alla cultura Maura Masini.

    Vandali nel Piazzone, il sindaco Ciappi: “Vergogna, quanta bellezza sprecata. Individueremo i responsabili”

    Che ha avuto l’ingrato compito di comunicare all’artista ciò che era accaduto.

    Ma, nello stesso tempo, ha cercato di recuperare anche i più piccoli frammenti di marmo per il restauro.

    Ma non era finita lì: dal muro sono state lanciate nuovamente le transenne, rotti altri vetri ai lampioni e, di nuovo, danneggiato lo sportello dell’Enel.

    L’appello è: chi ha visto, riconosciuto qualcuno di questi teppisti, di dare comunicazione ai carabinieri di San Casciano.

    Per riuscire a individuare chi ha fatto danni, stavolta particolarmente consistenti e ancor più odiosi.

    Sul posto sono intervenuti anche gli operai comunale e gli agenti della polizia locale.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...