spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vandali nel Piazzone, il sindaco Ciappi: “Vergogna, quanta bellezza sprecata. Individueremo i responsabili”

    "Spero e confido che le famiglie e i ragazzi sappiano assumersi le proprie responsabilità di fronte a gesti così gravi"

    SAN CASCIANO – “Vergogna, quanta bellezza sprecata”: inizia così il commento, sui suoi canali social, del sindaco di San Casciano, Roberto Ciappi, dove l’ennesima valdalizzazione notturna dei giardini di piazza della Repubblica, nel capoluogo.

    “Questa notte – dice il primo cittadino sancascianese – è stato nuovamente vandalizzato il giardino del Piazzone”.

    “Anche l’opera d’arte collocata in una delle aiuole è stata distrutta – prosegue – oltre ai tanti danni che se non velocemente riparati potrebbero creare disagi alle famiglie e a tutti i frequentatori dei giardini”.

    Vandali e teppisti, ancora devastazione nel Piazzone: abbattuta la statua di Antonio Crivelli

    “Come già successo in passato – promette – individueremo i responsabili. Questo ci deve far riflettere su quanto costi alla comunità sancascianese, in termini economici ma non solo, il comportamento di pochi ignoranti vandali che credono di vivere sopra le regole”.

    “Stamattina – informa – insieme alla polizia municipale e ai carabinieri abbiamo fatto tutti i passaggi necessari per la denuncia dei responsabili”.

    “Il personale del Comune – aggiunge – è corso stamani sul posto per ripristinare le lampade rotte e ripulire l’area vandalizzata”.

    “Spero e confido – conclude – che le famiglie e i ragazzi sappiano assumersi le proprie responsabilità di fronte a gesti così gravi”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...