spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vigilia di Pasqua con i ladri in casa: soldi portati via, stanze tutte sotto sopra, danni agli infissi

    In pieno giorno, in un borgo nei dintorni di San Pancrazio, sul "confine" fra i comuni di San Casciano e Montespertoli. Il racconto della famiglia derubata

    SAN PANCRAZIO (SAN CASCIANO) – Una vigilia di Pasqua davvero brutta quella di Laura e Maurizio, residenti in un piccolo borgo fuori San Pancrazio, al confine fra i comuni di San Casciano e Montespertoli. 

    Oggi, sabato 30 marzo, pieno giorno, sono tornati dalle commissioni giornaliere e hanno trovato la casa tutta sottosopra. 

    I ladri hanno spaccato una finestra al piano terra, e hanno girato in tutta la casa indisturbati.

    La scoperta alle 18, quando Maurizio è rientrato da un terreno lì vicino, dove era andato a potare gli olivi. Cassette aperti, armadi svuotati e quadri spostati. 

    “Mancano senza dubbio i contanti del portafoglio – racconta – Altro, al momento, non sembra”.

    “Quando sono tornato – prosegue – mi sono scambiato con un’auto bianca (ieri sera un tentato furto a San Casciano, andato a vuoto, ha visto sparire i due ladri a bordo di un’auto bianca, n.d.r.), che si è soffermata proprio davanti alla finestra di casa”.

    “Non mi sono reso conto che era aperta – riflette – altrimenti avrei osservato più attentamente l’auto. Quando ho aperto la porta, l’amara sorpresa”. 

    Sul posto è intervenuta una pattuglia di carabinieri del Nucleo Radiomobile di Scandicci. 

    A lasciare senza parole è la totale mancanza di paura, in pieno giorno, in centro abitato, nei giorni di festa. 

    Una Pasqua amara, insomma, per tutta la famiglia.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...