spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Oltre il 70% per Roberto Ciappi, nuovo sindaco di San Casciano: tutti i dati

    Daniela Manzoli (Centrodestra per l'Alternativa e Lega) sotto il 20%. Luigi Venzi (San Casciano Civica) 9,19%

    SAN CASCIANO – Ha sfiorato il 72% del suo predecessore,  Massimiliano Pescini, che venne però raggiunto in contesti politici molto idversi, sulla scorta del grande risultato del Pd alle europee del 2014.

     

    Roberto Ciappi è il nuovo sindaco di San Casciano, con oltre il 70% dei consensi degli elettori.

     

     

    In suo sostegno le liste del Partito democratico (54,60%), Sinistra per San Casciano (6,92%), Lista Volpe – Il Cuore Civico di San Casciano (7,95%).

     

    Pd che prende il 10% in meno delle comunali del 2014. Quando però a sostegno della candidatura di Pescini c'erano solo due liste (Pd appunto e Sinistra per San Casciano). In questo caso invece c'era anche la Lista Volpe, che ha conseguito un bel risultato (7,95%).

     

    La candidata del centrodestra, Daniela Manzoli, si ferma sotto al 20%: come tanti suoi "colleghi" negli altri comuni non riesce a prendere il "traino" del risultato della Lega alle europee (23,05% a San Casciano). Anzi, perde per strada qualche voto. 

     

    E dalla lista Centrodestra per l'Alternativa non arriva grande aiuto, essendosi fermata sotto al 6%.

     

     

    Infine San Casciano Civica, che porta in consiglio comunale il candidato sindaco Luigi Venzi con il 9,19% dei consensi.

     

    Spiccano i 177 voti della sezione 7, quella del quartiere di Gentilino, da cui la lista civica ha preso le origini.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...