spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Volontario della Misericordia trova l’auto spaccata a fine turno: danni per 400 euro

    Furto in via Terracini, nel capoluogo, in una zona ben visibile: "E' inaccettabile. E davvero non si capisce come nessuno veda mai chi commette questi atti"

    SAN CASCIANO – Aveva finito di fare il turno di pomeriggio come volontario alla Misericordia di San Casciano.

    Ma quando è andato a riprendere l’auto, parcheggiata in via Terracini, ha trovato un’amara sorpresa: il finestrino lato passeggero era stato spaccato e, aperto il bauletto, è stato arraffato un contenitore con all’interno pochi spiccioli.

    Un furto commesso in pieno giorno, davanti al parcheggio Stianti, e non in un luogo isolato.

    In una zona ben visibile, con un costante passaggio di auto e di chi passeggia lungo il viale Corsini.

    Un furto che è costato al malcapitato circa quattrocento euro di danni.

    “E’ inaccettabile quanto avvenuto – ci dice comprensibilmente contrariato il proprietario dell’auto – e la cosa che mi fa più rabbia è che mai nessuno riesce a vedere chi commette tali atti”.

    L’uomo è subito andato alla ricerca di un carrozziere. Nella speranza, visto il periodo delle ferie, di non dover viaggiare per un po’ senza il vetro.

    Non è passato molto tempo da quando, all’interno del parcheggio Stianti, avvenne un episodio simile.

    Così come purtroppo, come segnalato oggi da una nostra lettrice, è successa una cosa simile al parco La Botte: dove non è stato rotto il vetro, ma forzata la serratura dello sportello. E sono stati rubati vari oggetti all’interno dell’auto. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...