spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A ritroso nel tempo: la sequenza sismica del 2014-2015. Furono oltre 500 le scosse fra dicembre e marzo

    Una sequenza ben impressa nella mente degli abitanti del territorio, i cui epicentri erano leggermente più spostati di quelli attuali. Andiamo a "riscoprirla"

    CHIANTI FIORENTINO – Furono oltre 500 le scosse della sequenza sismica che più volte è stata ricordata in questi giorni.

    Giorni nei quali il territorio del Chianti fiorentino, a partire dal 2-3 maggio, ha iniziato di nuovo a tremare con continuità (siamo già oltre i 200 eventi registrati).

    Una sequenza ben impressa nella mente degli abitanti, i cui epicentri erano leggermente più spostati di quelli attuali (nella zona del Ferrone, al confine fra i comuni di Impruneta, San Casciano e Greve in Chianti).

    Si era infatti più verso Campoli-Valigondoli, zona di confine fra i comuni di San Casciano e Greve in Chianti.

    Nella sequenza di dicembre (qui l’approfondimento di INGV), alla vigilia di Natale ne erano stati registrati quasi 400.

    Erano stati 16 gli eventi di magnitudo uguale o superiore a 3.0. E un solo evento che aveva raggiunto magnitudo 4.1, il 19 dicembre alle ore 11.36.

    L’attività era andato poi diradandosi, per ripartire nella stessa esatta zona nella notte fra il 3 e il 4 marzo 2015.

    In poche ore furono 18 i terremoti localizzati dalla Rete Sismica Nazionale (RSN) dell’INGV.

    Si verificarono in una zona poco ad ovest dell’area interessata dalla sismicità del dicembre precedente. 

    Furono 6 gli eventi di magnitudo uguale o superiore a 2.0 notte, tra i quali i due più forti avevano avuto magnitudo 3.3 alle ore 00:51 e magnitudo 3.7 all’una.

    In questo caso, specificava INGV, “i due terremoti sono stati avvertiti in una vasta area della Toscana, in particolare a Firenze, come evidenziato dagli oltre 300 questionari compilati per l’evento di magnitudo 3.7”.

    # Terremoto: dopo una pausa che aveva fatto sperare, torna a tremare il Chianti fiorentino. Scossa da 3.7

    # Scossa di 3.7 delle 23.12, l’analisi in tempo reale di INGV: “Risentito in una vasta area della Toscana”

    Al 4 marzo 2015 furono più di 530 i terremoti avvenuti in questa zona dal 18 dicembre 2014.

    La maggior parte dei quali di magnitudo minore di 3.0, tranne i 18 elencati nella tabella sotto, e un solo evento che raggiunse magnitudo 4.1 , quello del19 dicembre alle ore 11.36.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

     

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...