spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Terremoto: dopo una pausa che aveva fatto sperare, torna a tremare il Chianti fiorentino. Scossa da 3.7

    Le case sono tornate a tremare. A Impruneta, San Casciano, Greve in Chianti. Nei comuni limitrofi. A Firenze, dove è stata avvertita in maniera molto consistente

    CHIANTI FIORENTINO – Una pausa, con qualche piccola scossa di pochissimo conto.

    Nell’ultimo giorno, giorno e mezzo, il Chianti fiorentino era tornato a respirare.

    Pensando di essersi lasciato alle spalle i giorni di tensione che dal 3 maggio, inizio della sequenza sismica, stanno facendo preccupare centinaia, migliaia di famiglie.

    E invece ieri sera alle , ecco la scossa che ha fatto ripiombare tutti alla realtà. Non è finita.

    Ore 23.12, 8 km di profondità. Magnitudo 3.7 secondo INGV. Stessa magnitudo della prima che ha dato il via alla sequenza, il 3 maggio scorso (era pomeriggio). Ma la sensazione diffusa è che sia durata qualche secondo in più.

    Epicentro sempre nella stessa zona: fra via di Luiano e la via Chiantigiana per il Ferrone.

    # Scossa di 3.7 delle 23.12, l’analisi in tempo reale di INGV: “Risentito in una vasta area della Toscana”

    # Ferrone, “viaggio” al centro dello sciame sismico che dal 3 maggio preoccupa il Chianti 

    # Sciame sismico: l’analisi del Laboratorio di Geofisica Sperimentale dell’Università di Firenze

    Le case sono tornate a tremare. A Impruneta, San Casciano, Greve in Chianti. Nei comuni limitrofi.

    A Firenze, dove è stata avvertita in maniera molto consistente. Ma è stata ben avvertita in quasi tutta la Toscana centrale.

    “Con la sala regionale della Protezione Civile stiamo monitorando la situazione” sono state le parole immediate del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani.

    “In corso verifiche della Protezione civile della Città Metropolitana di Firenze” si legge invece in una nota diramata dalla stessa Città Metropolitana.

    “Al momento non si registrano danni a persone o cose – scrive l’assessora regionale alla Protezione Civile Monia Monni – Sono in contatto con la Sala Operativa regionale e con il Dipartimento per monitorare al meglio la situazione”.

    “Sale operative Protezione Civile allertate – scrive il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei – Sono in giro carabinieri e protezione civile per verificare possibili danni. Per segnalazioni 0557890“.

    # A ritroso nel tempo: la sequenza sismica del 2014-2015. Furono oltre 500 le scosse fra dicembre e marzo

    E’ sembrato quasi di tornare indietro proprio a quel pomeriggio del 3 maggio, quando tutto è iniziato.

    E, comprensibilmente, sempre di più ci si domanda quando si potrà tornare alla normalità.

    Qui il la pagina dell’INGV dove seguire gli aggiornamenti (ha fatto seguito una di 2.3 alle 23.15, una da 1.4 alle 23.43…). Qui i consiglio di IO NON RISCHIO.

    # L’INTERVISTA / Dal terremoto “dimenticato” del 1959 allo sciame sismico che stiamo vivendo

    # Psicologia e scosse: come affrontare il terremoto? E come farlo vivere ai propri figli?

    La scossa delle 23.12 vista… dal sismografo

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...