spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Acquerelli” e “Cose così”, pittura e foto in mostra alla Sala Ruah

    Le rassegne d'arte al via il 3 novembre all'oratorio della Chiesa della Pentecoste a ingresso libero

    BAGNO A RIPOLI – Da una parte la pittura degli allievi del maestro Luciano Piseri. Dall'altra le fotografie realizzate da Sandra Ceccarelli. Sono le due rassegne d'arte che a partire dal 3 novembre verranno ospitate alla Sala Ruah della Chiesa della Pentecoste a Bagno a Ripoli (via delle Arti) che ha allestito una apposita area espositiva per favorire la conoscenza di tutte le forme artistiche ed espressive da parte della cittadinanza.

     

    Un'attività che conta sulla collaborazione del tutto gratuita da parte di artisti locali affermati.

    La mostra pittorica “Aquerelli” sarà visitabile fino al 20 novembre e proporrà una selezione di
    opere di Rossella Bettucci, Roberta Meli, Pasquale Torrini, Paolo Palmieri e dello stesso maestro Piseri.

     

    L'iniziativa si svolge con il patrocinio del Comune e in collaborazione con l'associazione
    culturale “G. Mazzon”. L'esposizione fotografica “Cose così” di Sandra Ceccarelli dell'associazione “Gruppo fotografico Prisma” sarà invece aperta fino al 24 novembre. Anche in questo caso l'evento è patrocinato dal Comune. Entrambe le mostre sono a ingresso gratuito.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...