spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bagno a Ripoli, il viaggio degli studenti nei lager al centro del consiglio comunale aperto

    Gli alunni delle scuole medie "Redi" e "Granacci" racconteranno il loro Pellegrinaggio della Memoria, appuntamento venerdì 16 giugno alle 16.30

    BAGNO A RIPOLI – Un viaggio che segna per sempre. E che adesso, a distanza di qualche settimana, gli studenti “restituiranno” alla comunità con un racconto pubblico.

    Sarà dedicato al Pellegrinaggio della Memoria il Consiglio comunale aperto in programma venerdì 16 giugno alle 16.30 in sala consiliare “Falcone e Borsellino”.

    Protagonisti i tredici alunni delle scuole medie “Redi” e “Granacci” che hanno preso parte, dal 4 al 9 maggio scorso, al viaggio nei campi di sterminio di Austria, Germania e Italia organizzato da Aned.

    Gli studenti ripolesi al Pellegrinaggio della Memoria: in 13 dalla “Redi” e dalla “Granacci”

    “Un momento di confronto e racconto – spiegano il sindaco Francesco Casini e il presidente del consiglio comunale Francesco Conti – che ogni anno ci teniamo ad organizzare: il racconto di questa esperienza da parte dei ragazzi, che la porteranno con sé per tutta la vita, è sempre occasione di arricchimento, crescita ed emozione per l’intera collettività”.

    Gli studenti, sette della “Redi” e 6 della “Granacci”, tutti frequentanti la classe 3°, durante il viaggio hanno avuto modo di visitare i campi di Dachau, Ebensee e Mauthausen.

    Qui, il 7 maggio, la cerimonia internazionale in occasione del 78° anniversario della sua liberazione. Sulla via del rientro, visitata anche la Risiera di San Sabba a Trieste.

    Ad accompagnare gli alunni, accanto ai docenti, anche una delegazione istituzionale composta dai consiglieri Patrizia Mondini e Corso Petruzzi, dal sindaco Casini e dal presidente Conti.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...