spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 25 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Donato in Collina, i sindaci Casini e Lorenzini incontrano la popolazione

    Tornano le assemblee "Dire Fare Condividere": martedì 27 marzo con il primo cittadino ripolese e quello di Rignano

    SAN DONATO IN COLLINA (BAGNO A RIPOLI) – Riparte da San Donato in Collina il ciclo di assemblee pubbliche “Dire Fare Condividere”, organizzate dall'amministrazione comunale di Bagno a Ripoli per incontrare i cittadini delle frazioni e confrontarsi sui temi di maggiore interesse e le problematiche del territorio.

     

    L'appuntamento, che sarà aperto a tutti, è in programma martedì 27 marzo dalle 21.15 al circolo Sms San Donato in Collina, lungo la Sp 1 del San Donato, 25.

     

    Accanto al sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini, sarà presente anche Daniele Lorenzini, primo cittadino di Rignano sull'Arno, su cui insiste parte del territorio della frazione, linea di confine a cavallo tra i due comuni.

     

    Presente inoltre la giunta comunale di Bagno a Ripoli, con la vicesindaca con delega al sociale Ilaria Belli, l'assessora allo sviluppo economico Francesca Cellini, l'assessora a scuola e cultura Annalisa Massari, l'assessore ai lavori pubblici Enrico Minelli e l'assessore all'urbanistica Paolo Frezzi.

     

    La cittadinanza è, ovviamente, invitata a partecipare.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...