spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Maggio Metropolitano”, a Bagno a Ripoli protagonista “La Traviata” di Verdi

    Sabato 4 novembre alla Biblioteca comunale conferenza dedicata al personaggio di Violetta Valery

    BAGNO A RIPOLI – Bagno a Ripoli si prepara al secondo atto del “Maggio Metropolitano”, la rassegna organizzata da Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Firenze dei Teatri con l'obiettivo di “esportare” la grande musica, la tradizione e le iniziative del Maggio Musicale in tutta l'area metropolitana, con oltre cento appuntamenti fino al 2018.

     

    Dopo il concerto dell'Orchestra del Maggio diretta dal M° Federico Maria Sardelli alla Casa del popolo di Grassina, adesso è la volta di una conferenza dedicata alla “Traviata” di Giuseppe Verdi e incentrata sulla figura della protagonista Violetta Valéry (“Madamigella Valery? Son io! Un dramma borghese: La traviata di Giuseppe Verdi”).

     

    L'appuntamento è per sabato 4 novembre alle 16.30 alla Biblioteca comunale in via di Belmonte 53, a Ponte a Niccheri. L'iniziativa, gratuita ed aperta al pubblico, sarà condotta dalla musicologa Katiuscia Manetta, la quale ripercorrerà le tappe con cui Verdi ideò e dette forma alla protagonista dell'opera.

    Si partirà dall’inverno del 1852, quando il compositore, a Parigi, ebbe modo di assistere alla rappresentazione de “La dame aux camélias” di Alexandre Dumas figlio, storia di una nota prostituta del tempo, del suo amore impossibile e della riconquista della propria dignità attraverso la sofferenza e la morte.

     

    L’argomento attuale e scabroso stimolò la fantasia creativa del compositore tanto che pochi mesi dopo, dal sodalizio con il librettista Francesco Maria Piave, nacque una delle opere più rappresentate e amate di tutti i tempi, “La Traviata”.

     

    L'opera debuttò al Teatro La Fenice di Venezia il 6 marzo 1853. Il soggetto “di sicuro effetto”, come venne definito dallo stesso Verdi in una delle sue lettere, è confezionato alla perfezione: nella cornice di una Parigi gaudente, animata da valzer, feste e lustrini, si consuma il dramma di Violetta Valéry, protagonista dall’infelice sorte e dalle molteplici sfumature psicologiche, trasformata dal compositore in eroina tragica grazie ai potenti mezzi della musica.

     

    Le iniziative del “Maggio Metropolitano” proseguiranno il 7 dicembre alle 21.15 al Teatro comunale dell'Antella, quando i cantanti e i pianisti dell'Accademia del Maggio Musicale Fiorentino eseguiranno una selezione di celebri arie d'opera.

     

    “Maggio Metropolitano” è finanziato dalla Città Metropolitana di Firenze.
    Di seguito il programma delle iniziative ripolesi del “Maggio Metropolitano”:
    •        Teatro Comunale di Antella, 7 dicembre 2017 ore 21.15, Cantanti e Pianisti dell’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino, Celebri arie d’opera
    •        Scuola Francesco Granacci, 12 dicembre 2017 ore 10.30, The WAM Game – Il gioco di Mozart*, uno spettacolo di Venti Lucenti. Regia e scrittura scenica Manu Lalli
    •        Scuola Guglielmo Marconi, 15 dicembre 2017 ore 10.30, The WAM Game – Il gioco di Mozart*, uno spettacolo di Venti Lucenti. Regia e scrittura scenica Manu Lalli
    •        Teatro del Maggio – Firenze, 23 febbraio 2018 ore 15.30: Prova di lavoro, concerto Fabio Luisi**

     

    *Spettacolo riservato alle scuole.
    ** Servizio pullman gratuito. Posti limitati, prenotazione obbligatoria presso il Comune.
    Biglietti distribuiti gratuitamente all’ingresso della sala

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...