spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Maggio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sequenza sismica: collocate stazioni temporanee per avere il maggior numero di dati

    Dispiegato sul campo Sismiko, uno dei gruppi operativi di emergenza dell’INGV, per installare, nel minor tempo possibile, una rete sismica temporanea nell’area epicentrale

    CHIANTI FIORENTINO – Nuove stazioni sismiche temporanee, oltre a quelle “standard”, per avere il massimo possibile di informazioni sulle scosse di terremoto che dal 2-3 maggio stanno interessando l’area del Chianti fiorentino.

    Collocate nell’area degli epicentri di tutte le scosse, ovvero fra via di Luiano e via Chiantigiana per il Ferrone (e nei dintorni), ai confini fra i comuni di Impruneta, Greve in Chianti, San Casciano.

    “Il gruppo operativo Sismiko – fa sapere l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia – il Coordinamento delle reti sismiche mobili in emergenza dell’INGV, ha predisposto un intervento che ha visto l’installazione di alcune stazioni sismiche temporanee ad integrazione di quelle permanenti della Rete Sismica Nazionale (RSN) presenti nell’area”.  

    “Seppur al di sotto della soglia ordinaria di magnitudo che determina l’attivazione di Sismiko – precisa lo stesso gruppo operativo – il gruppo operativo ha disposto l’intervento, anche valutando la geometria della Rete Sismica Nazionale nell’area e l’andamento in corso della sismicità”.

    “Sismiko – viene spiegato – è uno dei gruppi operativi di emergenza dell’INGV ed ha il delicato compito di installare, nel minor tempo possibile, una rete sismica temporanea nell’area epicentrale interessata dall’incremento della sismicità o da forti terremoti”.

    Perché, aggiungono dall’INGV, “aumentare i punti di osservazione nel monitoraggio sismico è molto importante perché consente di migliorare le localizzazioni dei terremoti e caratterizzare così posizione e dimensione delle faglie attive”. 

    “In particolare – si evidenzia – l’installazione delle stazioni temporanee mira ad ottimizzare la  geometria di rete rispetto all’area epicentrale, in modo tale da migliorare qualità e precisione delle localizzazioni”.

    “Soprattutto – si precisa – per quanto riguarda la  profondità dei terremoti, il parametro più difficile da vincolare nelle procedure di localizzazione degli eventi sismici”.

    “Tra il 4 e il 5 maggio – viene quindi reso noto – il personale afferente a Sismiko – ha pertanto installato 3 stazioni sismiche temporanee in siti prescelti dopo una valutazione della sismicità in corso nell’area e la geometria della RSN. Le installazioni sono state tutte realizzate in terreni privati, grazie alla cortese disponibilità offerta dai proprietari”. 

    # Terremoto: “Attività di monitoraggio costante”. Le istituzioni informano la cittadinanza

    # A ritroso nel tempo: la sequenza sismica del 2014-2015. Furono oltre 500 le scosse fra dicembre e marzo

    “L’allestimento delle stazioni – conclude INGV -è stato realizzato grazie alle squadre di operatori della sede INGV di Pisa supportati da remoto dai colleghi delle altre sedi afferenti a SISMIKO”.

    “I dati acquisiti dalle stazioni Sismiko – è la conclusione – sono stati integrati nel sistema di monitoraggio nazionale dell’INGV per essere utilizzati anche per le localizzazioni ipocentrali calcolate presso la Sala operativa INGV di Roma. Nei prossimi giorni verranno valutate eventuali ulteriori installazioni”.

    Ulteriori info: qui.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...