spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “C’era una volta. La storia di un bambino d’altri tempi”: il libro di Roberto Cacciatori a Castellina

    Sancascianese, è originario del comune chiantigiano: il racconto della sua vita e della sua famiglia dal 1938 al 1955. Si presenta sabato 14 ottobre

    CASTELLINA IN CHIANTI – Nuovo appuntamento con la cultura nel borgo di Castellina in Chianti.

    Questa volta il Comune di Castellina in Chianti e le associazioni Chianti Storico, Gruppo Archeologico Salingolpe e Via Romea Sanese Accessibile, presentano al pubblico il libro “C’era una volta. La storia di un bambino d’altri tempi”.

    Edito da Passione Scrittore, e scritto da un autore (oggi sancascianese “doc”) originario proprio del territorio chiantigiano: Roberto Cacciatori.

    La storia di un bambino e della sua famiglia dal 1938 al 1955, nella campagna e in un paese del Chianti.

    Le difficoltà economiche, gli ultimi anni di una civiltà contadina ormai prossima a svanire e l’inizio della ricostruzione dopo la Seconda Guerra mondiale.

    Nomi, luoghi, persone e vicende. Tutto torna a rivivere nelle fitte pagine di questo volume denso di affetti e ricordi.

    Da Castellina in Chianti a San Casciano: il libro sui ricordi di vita del professor Roberto Cacciatori

    La presentazione si terrà sabato 14 ottobre, alle ore 17.30, nella Saletta di via delle Volte a Castellina in Chianti.

    Interverranno Giuseppe Stiaccini e Veronica Verdiani, rispettivamente vicesindaco e assessora del Comune di Castellina, insieme a Vito De Meo.

    Presenta il libro intervistando l’autore Benedetta Carloni, responsabile alla salvaguardia delle tradizioni e delle memorie chiantigiane dell’Associazione Chianti Storico.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...