spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il sindaco Pescini ha illustrato alcuni interventi necessari a seguito di infiltrazioni e danni alla struttura

    GAIOLE IN CHIANTI – Un incontro con i genitori dei bambini che frequentano la scuola dell’infanzia “Chicchi di Sole” di Gaiole in Chianti per illustrare gli interventi di manutenzione straordinaria che interesseranno la struttura nelle prossime settimane.

     

    E’ quello che si è svolto venerdì 22 agosto, convocato dal sindaco Michele Pescini prima dell’inizio dell’anno scolastico fissato per il 15 settembre.

     

    Il primo cittadino ha descritto anche il percorso tecnico e giuridico intrapreso dall’amministrazione comunale per tutelare un intervento pubblico di alta qualità inaugurato nel settembre del 2012, promosso all’insegna della bioedilizia e della sostenibilità ambientale con risorse proprie del Comune e con il contributo della Regione Toscana e della Fondazione Mps.

     

    “L’incontro – spiega il sindaco di Gaiole in Chianti, Michele Pescini – è stato un atto di trasparenza nei confronti dei piccoli utenti, delle loro famiglie e delle insegnanti, durante il quale, insieme all’ufficio tecnico e ad altri soggetti coinvolti, abbiamo illustrato la situazione e gli interventi previsti".

     

    "L’amministrazione comunale – specifica – è intervenuta in maniera tempestiva avviando le opportune verifiche fin dai primi rilievi di infiltrazioni, sta monitorando costantemente la struttura e l’attività didattica riprenderà regolarmente il prossimo 15 settembre, al netto di imprevisti che saranno eventualmente resi noti con celerità".

     

    "Rimaniamo, tuttavia, a disposizione – ricorda – per fornire chiarimenti e informazioni sulla vicenda. Il nostro obiettivo primario e imprescindibile – aggiunge il primo cittadino – è tutelare chi frequenta ogni giorno la struttura, poiché rappresenta anche il nostro futuro".

     

    "Al tempo stesso – rimarca – vogliamo salvaguardare un’opera pubblica che appartiene al patrimonio di Gaiole in Chianti e la cui qualità di "edificio passivo" è stata riconosciuta a livello nazionale per la grande attenzione al risparmio energetico, ai canoni di bioedilizia e al costruire in maniera efficiente e sostenibile".

     

    "Abbiamo investito e creduto molto in questo progetto – conclude Pescini – e vogliamo che torni al più presto a rappresentare al meglio lo stile di vita che caratterizza il nostro territorio, fondato su elementi fondamentali come sicurezza, educazione, tutela dell’ambiente ed energia pulita”.

     

    La vicenda. Nei mesi scorsi, prima della fine dell’anno scolastico, gli uffici tecnici dell’amministrazione comunale hanno rilevato alcune infiltrazioni provenienti dalla copertura della scuola e hanno avviato contatti immediati con la ditta esecutrice.

     

    Successivamente, i sopralluoghi effettuati hanno riscontrato un danno più complesso del previsto, tale da rendere necessaria la consulenza di un tecnico con competenze specifiche in materia di strutture lignee, in grado di indicare gli interventi necessari.

     

    Nel frattempo, il Comune ha intrapreso un percorso di tutela legale, affidandosi a un proprio avvocato che ha già avviato i primi atti e ha programmato e deliberato gli interventi di manutenzione utili a rendere pienamente fruibile la struttura, considerati i tempi piuttosto lunghi connessi alla tutela legale.

     

    A seguito della procedura d’urgenza già riconosciuta dal tribunale, i lavori potranno cominciare nei prossimi giorni e saranno di carattere definitivo.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...