spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cintoia, ritrovata anche la seconda auto trascinata via dal rio Sezzate: sommersa, a oltre un km e mezzo

    Ha finito la sua corsa presso il ponte del viottolo che collega il castello di Sezzate con il castello di Mugnana. Lungo una valle completamente sfigurata

    CINTOIA (GREVE IN CHIANTI) – E’ stata ritrovata, dopo giorni, anche la seconda auto (o quel che ne rimane) trascinata via lunedì 15 agosto dalla furiosa piena del rio Sezzate, a Cintoia.

    Era ad oltre un chilometro e mezzo da dove era stata risucchiata.

    # Cintoia, “viaggio” lungo il corso del rio Sezzate. In una valle stravolta dall’alluvione di Ferragosto

    # Nubifragio di Ferragosto, un “fronte” anche a Cintoia: famiglie fuori casa. Travolte due auto e un ponte

    # Cintoia, recuperata una delle auto travolte dal rio Sezzate. Di un’altra si sono perse le tracce

    E’ precipitata per la cascata del ponte romano, è passata sotto il ponte, poi per il precipizio sottostante.

    Ha finito la sua corsa presso il ponte del viottolo che collega il castello di Sezzate con il castello di Mugnana.

    Lungo una valle completamente sfigurata dalla furia dell’acqua. In molti tratti irriconoscibile.

    Era sommersa da rami, tronchi, rifiuti. Quasi invisibile.

    Completamente distrutta, si pensa di recuperarla prima possibile.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...