spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fiamme a Riseccoli, il sindaco di Greve in Chianti Sottani: “Da 10 anni non si vedeva un incendio così da noi”

    Una nuova ripresa all'alba ha richiesto l'impiego di due elicotteri del sistema AIB regionale. Sul terreno, vigili del fuoco e gli infaticabili volontari de La Racchetta

    GREVE IN CHIANTI – Un fronte dell’incendio nella zona di Riseccoli, nel comune di Greve in Chianti, che ieri ha tenuto impegnati per tutta la giornata vigili del fuoco e volontari dei gruppi antincendi boschivi, ha ripreso vigore nelle prime ore di oggi, martedì 28 giugno.

    # Grave incendio a Greve in Chianti, in zona Riseccoli. Aziende agricole e agriturismo minacciati dalle fiamme

    La siccità, l’assenza di umidità notturna, il forte vento di questa mattina e la tipologia del sottobosco, hanno reso particolarmente difficili le operazioni di bonifica e contenimento dell’incendio, scoppiato ieri attorno alle 12. Uno dei 22 divampati in Toscana nella sola giornata di ieri.

    # VIDEO / Il lunedì di fuoco de La Racchetta in Toscana: 6 incendi in un giorno. Il punto della situazione oggi

    “Le fiamme hanno divorato al momento 11 ettari e mezzo – fanno sapere dal Comune grevigiano – tra aree boschive e campi incolti. Le squadre antincendio, i vigili del fuoco, all’opera giorno e notte, sono sul posto da ieri”.

    “E nonostante l’intervento ininterrotto di 60 volontari – proseguono – che hanno agito contemporaneamente nei diversi focolai e riprese scaturiti dalla gola della collina, l’incendio non è stato ancora domato”.

    “A causa di una nuova ripresa che si è sviluppata all’alba per circa 5mila metri quadri – aggiungono – oltre al personale da terra, sono stati impiegati due elicotteri del sistema AIB regionale con l’obiettivo di circoscrivere il perimetro dell’incendio”.

    # Controlli dei carabinieri forestali: incendio di Riseccoli partito dai lavori di trinciatura in un vigneto

    “Le caratteristiche del sottobosco, costituito da pini secchi, campi abbandonati e terrazzamenti con importanti pendenze – fanno sapere i volontari dell’antincendio boschivo La Racchetta – rappresentano l’ostacolo maggiore per accedere alle aree dell’incendio, di cui si sono sviluppate varie riprese in tempi brevi”.

    Per questa ragione il Comune ha messo a disposizione un veicolo speciale, una ruspa giunta sul posto poco fa, necessaria a creare strade che consentano alle squadre dei volontari di accedere e addentrarsi nei luoghi più impervi dell’impluvio della collina.

    “Bisogna tornare indietro di dieci anni per ricordare un incendio di dimensioni simili a quello che sta divampando da ieri nel nostro territorio – sottolinea il sindaco Paolo Sottani – anche questa seconda giornata, non sarà facile e dovremo aspettare ancora qualche giorno probabilmente per bonificare in via definitiva l’incendio”.

    “Un evento di portata eccezionale – conclude – che stiamo gestendo grazie all’impegno davvero encomiabile della la squadra dei volontari La Racchetta, di tutto il sistema AIB regionale, dei vigili del fuoco e delle forze degli enti preposti”.

    La SP16 è aperta e regolarmente transitabile.

    I video dal luogo dell’incendio: martedì 28 giugno

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...