spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 2 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scuola Panzano, il centrodestra: “Il Comune faccia restare i bambini nella frazione”

    Martedì prossimo la riunione fra Comune e genitori: "Speriamo si diano risposte alle famiglie, che in vista del prossimo anno scolastico temono ulteriori disagi"

    GREVE IN CHIANTI – “Il Comune si attivi con soluzioni alternative e sicure affinché i bambini possano restare a Panzano”.

    A chiederlo sono i consiglieri comunali di centrodestra per l’alternativa, a Greve in Chianti, Claudio Gemelli, Marco Raveggi e Giuliano Sottani.

    Il tema è quello della situazione del plesso panzanese, dove hanno sede cinque classi di scuola primaria e due dell’infanzia.

    # Le verifiche sismiche mettono ko la scuola di Panzano: per un anno elementari e asilo a Greve

    Classi che dovranno restare fuori dall’immobile, causa verifiche sismiche e lavori non differibili, per un intero anno scolastico.

    “Speriamo che nella riunione di martedì – auspicano i consiglieri comunali di opposizione – si possano dare delle risposte davanti all’incertezza delle famiglie che temono ulteriori disagi a partire da prossimo anno scolastico”.

    “Inoltre – proseguono – è opportuno che il Comune avvii un monitoraggio sismico di secondo livello degli edifici scolastici del territorio a partire dalla scuola elementare di Greve prima dell’inizio dell’anno scolastico”.

    “Chiederemo una Commissione straordinaria – annunciano – per capire lo stato delle perizie di secondo livello e andremo a visitare il plesso delle elementari per capire lo stato in cui versa considerato lo stato delle facciate esterne”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...