martedì 11 Agosto 2020
Altre aree

    Caso Baldi e Flap, l’assessore Laura Cioni durissima nei confronti di Alessandro Giovannini

    "Grave far diventare la trattativa in corso tra azienda e lavoratori un caprio espiatorio per attaccare l'amministrazione comunale. Uscite del genere non aiutano i lavoratori"

    IMPRUNETA – E’ a dire poco arrabbiata Laura Cioni. E il destinatario dell’arrabbiatura, e delle critiche, è Alessandro Giovannini, capogruppo di opposizione del gruppo Cittadini Per Impruneta.

    # Situazione Baldi e Flap, in molti al presidio: tiepido ottimismo dopo l’incontro con l’azienda

    L’assessorre al welfare del Comune di Impruneta stamani era al presidio davanti ai cancelli della Baldi e della Flap, a Tavarnuzze, insieme ai sindacati. Presidio dopo il quale i sindacati stessi hanno parlato di un timido ottimismo per quanto riguarda la delicata situazione di questa trentina di lavoratori.

    Poi però ha letto la presa di posizione di Giovannini, che ha chiesto pubblicamente che la giunta riferisca della situazione in commissione consiliare, ed è sbottata.

    # “Baldi e Flap, 30 famiglie in difficoltà: la giunta comunale venga a riferire in commissione”

    “E’ a dir poco bizzarro – dice Cioni – e allo stesso tempo sconfortante leggere una richiesta ufficiale al sindaco e alla giunta da parte di un consigliere per riferire ad una commissione consiliare su una questione importante”.

    “Non è certo la procedura corretta – aggiunge – e pertanto, questa volta, non posso stare in silenzio, soprattutto perchè si tratta di una situazione delicata in cui sono coinvolti azienda Baldi e Flap e i loro dipendenti”.

    “Per rispetto verso di loro – rimarca – mi sento costretta ad intervenire ed accusare questo continuo ricorrere alla stampa per avere informazioni ufficiali piuttosto che nelle corrette sedi istituzionali”.

    “In questo caso però – dice ancora – è ancora più grave far diventare la trattativa in corso tra azienda e lavoratori un capro espiatorio per attaccare l’amministrazione comunale. Non è certo in questo modo che si esprime un’opposizione costruttiva, né si fa il bene dei cittadini.
    Prima di parlare o scrivere si dovrebbe riflettere un attimo sulle conseguenze perché un’uscita del genere, in questo caso, non aiuta la risoluzione della trattativa”.

    “Stamani – conclude Cioni – ero presente al presidio davanti alla Baldi e Flap, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, che sta seguendo la vicenda cercando di favorire un dialogo costruttivo tra le parti. Mi auguro che si sia capaci, tutti, di rispettare i propri ruoli e i tempi opportuni per esercitarli”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino