spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Svolta “rosa” alla guida dell’organizzazione: prende il posto del dimissionario Luca Gasparri

    IMPRUNETA – L'Ente Festa dell'Uva di Impruneta, dopo le dimissioni choc di Luca Gasparri (clicca qui per leggere la sua lettera d'addio), dalla tarda serata di lunedì 11 novembre ha una nuova guida.

     

    Si è infatti tenuta l’elezione del nuovo presidente, alla quale hanno partecipato tutti i componenti dell’Ente, come da statuto: ad essere nominata è stata Eleonora Ripi (nella foto), giovane donna che conosce bene i meccanismi della Festa dell’uva e da sempre attiva nel rione delle Fornaci.

     

    “Sono molto felice di accettare questo incarico – spiega la neo presidente – perché amo profondamente questa festa. So per certo che il mio predecessore, l’Ente ed i quattro i rioni mi aiuteranno nel lavoro affinché possiamo, tutti insieme, far crescere la nostra festa e offrire a settembre 2014 un grande spettacolo”.

     

    Un passaggio di consegne a suo modo storico: dopo gli anni di presidenza dell'Ente "appaltata" a tecnici, e quelli con Luca Gasparri (contemporaneamente presidente del rione del Pallò) alla guida, ecco la "svolta rosa".

     

    Una svolta anche per quanto riguarda la provenienza rionale della nuova presidente: ovvero quel rione delle Fornaci che, dopo l'annullamento della sfilata del 29 settembre scorso, era stato quello più infuriato.

     

    Adesso c'è da lavorare sodo: la neo presidente, i rappresentanti dei rioni e del Comune all'interno di un Ente Festa dell'Uva che dovrà, fra l'altro, tappare anche l'altra "falla" aperta dalle dimissioni dell'ingegnere responsabile della sicurezza Alessandro Bonini.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...