spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Vergogna: danneggiato nella notte il presepe in terracotta in piazza Buondelmonti a Impruneta

    Da capire se si sia trattato di una "invasione" con un'auto, oppure di un puro atto vandalico (più probabile). Rimane il risultato, che nella mattina di Natale è ancora più triste

    IMPRUNETA – Vergogna. Vergogna. Vergogna. Potremmo scriverlo all’infinito.

    Gli imprunetini si sono svegliati, nella mattina di Natale, con il presepe in terracotta, realizzato come ogni anno da alcuni artisti in collaborazione con le fornaci storiche imprunetine in piazza Buondelmonti, pesantemente danneggiato.

    “Sono passata per andare alla Messa in Basilica – ci dice una cittadina che ha notato per prima quanto accaduto – e ho visto una statua della pecora spezzata”.

    “Un pastorello buttato in terra – prosegue – tutto sottosopra. Una cosa che non si può guardare: è successo dopo mezzanotte, perché quando hanno messo Gesù era tutto a posto”.

    “Questo – dice sconsolato un altro lettore che ci contatta di prima mattina –  è il “regalo”di Natale, che qualcuno ha deciso di farci trovare stamattina in piazza Buondelmonti”.

    “Perche’ il “regalo” – dice ancora – è stato quello di far trovare il presepe in cotto in parte rotto”.

    Da capire se si sia trattato di una “invasione” con un’auto, oppure di un puro atto vandalico (molto più probabile).

    Rimane il risultato, che nella mattina di Natale è ancora più triste.

    Presepe distrutto a Impruneta, il vicesindaco Aramini: “Dei cretini che fanno provare rabbia”

    Presepe distrutto a Impruneta, Zoppini e Innocenti: “Subito interrogazione al sindaco”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...