spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Da venerdì 12 a domenica 14 maggio San Pancrazio torna a festeggiare il suo patrono

    Tre giorni di fede, riflessioni, buona cucina e allegria. Don Stefano Casamassima: "Orgoglioso nel vedere la gioia dei tanti che organizzano. Venite, le porte sono aperte!"

    SAN PANCRAZIO (SAN CASCIANO) – Dal 12 al 14 maggio San Pancrazio si rianima di tradizioni vecchie e nuove, per festeggiare il patrono al quale è dedicata la Pieve.

    Un appuntamento ormai tornato ad essere parte integrante della vita della comunità, grazie alla spinta arrivata con il parroco don Stefano Casamassima: di riappropriarsi delle vecchie tradizioni per creare soprattutto momenti di incontro e condivisione.

    Un’occasione che, come tante altri eventi, ha necessariamente dovuto fermarsi nei tempi di pandemia, per poi ripartire lo scorso anno con ancora più entusiasmo e voglia di stare insieme.

    “La Festa di San Pancrazio – ci dice don Stefano – lo scorso anno ha ripreso davvero il meglio delle vecchie edizioni precovid. Tanto è stato l’entusiasmo, la voglia di fare festa e di stare insieme che si è respirato nei giorni di festa”.

    “Una gioia per gli occhi – prosegue – ma soprattutto per il cuore vedere di nuovo San Pancrazio “viva”, portatrice di momenti ed emozioni belle. Ecco che anche quest’anno non c’è stato bisogno di chiedersi se farla, ma semplicemente cos’altro aggiungere per renderla ancora più bella?”.

    “Mi rende davvero orgoglioso – continua il pievano – vedere la gioia di tanti che in questi mesi si sono dedicati alla preparazione e all’organizzazione di questi tre giorni dedicati a San Pancrazio ed ora che ci siamo, aspettiamo solo i giorni di festa!”.

    Ma partiamo dal programma.

    Venerdì 12 maggio, nel pomeriggio dalle ore 16 sarà dedicato agli anziani delle case di riposo e non. La Messa delle 18 ospiterà il “Coro di San Donato in Poggio”.

    Alle 19 ci sarà la testimonianza di Zia Caterina, di Taxi Milano 25 Onlus, ufficiale al Merito della Repubblica Italiana. Una donna che ha fatto della sua professione, una missione di vita nel supporto dei bambini malati e delle loro famiglie.

    A seguire chi vorrà rimanere, verrà proposto nel giardino della canonica un’apericena sotto le stelle e il karaoke per divertirsi e passare del tempo insieme, in allegria.

    Sabato 13 maggio, la mattinata sarà dedicata ai bambini e alle famiglie, con lo spettacolo di “cucina acrobatica” Clown Peppino (ore 10.30), e il baratto dei giocattoli.

    A seguire verrà fatta in chiesa la benedizione di tutti, bambini e genitori (ore 12).

    Nel pomeriggio, alle ore 16, viene riproposto il “Dialogo a cento anni del Parco della Rimembranza – i morti in guerra di San Pancrazio”. Con l’occasione verrà presentato il quadro di Giuseppe Rava e un’anticipazione del volume realizzato da David Burigana e Massimo Torricelli per un progetto promosso dall’Università di Padova

    Alle ore 18 verrà celebrata la Santa Messa e l’unzione degli ammalati, animata dal “Coro di Santa Lucia al Borghetto” di Tavarnelle.

    Il sabato proseguirà alle 21 con il concerto in chiesa del coro “Quodilibet” diretto dal Maestro Ivan Caselli, e del coro “Quarta Eccedente” diretto dal Maestro Fabio Cavaciocchi.

    Domenica 14 maggio, per tutto il giorno il piazzale ospiterà un mercatino “Arte e Ingegno” con tanto artigianato locale, idee regalo e prodotti fatti a mano con passione e creatività

    Alle 9.45 dalla madonnina di Lucignano partirà la processione con la reliquia di San Pancrazio per arrivare davanti alla chiesa. Alle 11 verrà celebrata la Santa Messa nel giardino della canonica e verranno benedette le coppie e le famiglie.

    Alle 13 inizierà il “Pranzo su i’ prato”, tra i lecci del parco della chiesa. Un menù da leccarsi i baffi, con specialità toscane, realizzate con amore e impegno dai parrocchiani, dall’antipasto al dolce.

    Il pranzo è su prenotazione, tramite il numero 3385693313 (Roberta). Il costo è di 20 euro per gli adulti e 15 euro per i bambini.

    Alle ore 15 ci sarà lo spettacolo di “Sorella Fantasia”. Per tutto il pomeriggio poi si canterà e si ballerà grazie a “Fabrè” la coverband di Fabrizio De Andrè, e “L’orchestrina del progresso” riproporrà le danze popolari.

    Preghiera, incontro, socialità, condivisione e tanta fiducia verso l’altro: questi sono i protagonisti di questo weekend di festa.

    “L’invito è sempre lo stesso – conclude don Stefano Casamassima – ovvero quello di vivere insieme un momento di comunità. Che non è mai racchiusa nelle nostre quattro mura, ma che guarda sempre all’altro, che sia vicino o lontano da noi. Venite, le porte di San Pancrazio sono aperte!”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...