spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dopo che fu divelta, ri-collocata la lapide in memoria della coppia uccisa dal Mostro agli Scopeti

    Realizzata grazie all'interessamento di Francesco Cappelletti, che aveva fatto anche una raccolta fondi sul web, era stata ritrovata nella scarpata. Stavolta è stata fissata a una enorme pietra

    SCOPETI (SAN CASCIANO) – E’ stata ricollocata nella piazzola la targa in ricordo dei due giovani francesi, Nadine Mauriot e Jean-Michel Kraveichvili, uccisi dal Mostro di Firenze nel settembre del 1985, lungo via Scopeti, nel comune di San Casciano.

    La targa era stata posta grazie all’interessamento di Francesco Cappelletti, che con passione e serietà segue le vicende del Mostro di Firenze.

    E che nell’agosto del 2020, dopo una raccolta fondi con un crowdfunding sul web, in poche ore riuscì a raggiungere l’obiettivo, ovvero la cifra necessaria per realizzare la lapide.

    # Per Nadine e Jean-Michel, uccisi dal mostro: nella piazzola degli Scopeti una lapide in memoria

    Lapide che purtroppo, a distanza di pochi mesi, venne (molto probabilmente) vandalizzata.

    Due sancascianesi infatti, la mattina del 20 ottobre dell’anno scorso, la trovarono nella scarpata poco distante dove era stata posizionata.

    # Scopeti: devastata la lapide messa in ricordo della coppia francese trucidata dal Mostro di Firenze

    La notizia fece presto il giro non solo dei giornali, ma arrivò anche ai parenti della coppia dei francesi uccisi.

    Francesco Cappelletti pochi giorni fa è riuscito nuovamente a ricollocarla: stavolta non sulla “nuda” terra, ma ben arpionata a una grossa pietra che fa da piedistallo.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua