spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E due! Seconda fioriera in frantumi nel centro storico di San Casciano

    Stavolta però, a differenza della prima, il responsabile del danno si recherà presso la polizia municipale sancascianese per presentare le proprie generalità

    SAN CASCIANO – Seconda fioriera in cotto distrutta, nel centro storico di San Casciano, in pochi giorni.

    A meno di un mese di distanza dal loro posizionamento, sono già due i grandi vasi andati in frantumi.

    # Le nuove fioriere in centro a San Casciano resistono due settimane: distrutta la prima

    E se per il primo, in via IV Novembre, a pochi metri da piazza Pierozzi, ancora non si è riusciti a sapere chi sia stato il responsabile, in questo secondo caso sembra invece che chi ha rotto il vaso sia pronto (correttamente) ad assumersene le responsabilità.

    Tutto è accaduto nella primissima mattina di oggi, lunedì 28 giugno, in via Roma.

    Una manovra sbagliata, la fioriera urata che va in mille pezzi, riversando per terra anche tutto il suo contenuto.

    L’automobilista, un sancascianese, si recherà dalla polizia municipale a rendere note le proprie generalità.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...