spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fiction sul Mostro di Firenze, la Cassazione rigetta il ricorso della famiglia Calamandrei contro la Fox

    La figlia dell'ex farmacista, Francesca: "Sono sconcertata, ma non mi arrendo. Aspettiamo le motivazioni, poi andremo fino alla Corte Europea per i diritti dell'uomo"

    SAN CASCIANO – “La Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso contro l’assoluzione della Fox, rea, a nostro avviso, di aver diffamato mio padre, nella serie Il Mostro di Firenze”.

    L’annuncio, che anche questa volta, dopo il primo e il secondo grado di giudizio è un misto di rabbia e amarezza, lo dà Francesca Calamandrei, figlia di Francesco, l’ex farmacista di San Casciano scomparso nel 2012.

    # Diffamazione Francesco Calamandrei, Fox assolta. La figlia: “Continuerò a battermi”

    “Non è possibile – riflette – che chi è stato assolto, con sentenza definitiva “perché il fatto non sussiste”, possa essere, da una qualunque fiction, rappresentato come ancora sospettabile di essere il mandante e l’autore dei reati per cui è stato assolto”.

    “La sentenza di assoluzione di mio padre peraltro – tiene a ricordare Francesca – non è mai stata impugnata dalla Procura della Repubblica”.

    Si definisce “sconcertata”, ma non per questo arresa. La battaglia per ristabilire l’onore del padre non si ferma ancora.

    O almeno, non si ferma in Europa, visto che in Italia il rigetto da parte della Cassazione è l’ultimo grado di giudizio.

    “Adesso – annuncia Francesca Calamandrei – aspettiamo di leggere le motivazioni, ma già da ora ci riserviamo di presentare ricorso alla Corte Europea dei diritti dell’uomo”.

    “Non ci arrendiamo – sottolinea ancora – perché, lo ripeto, è una grave ingiustizia. Come puoi dire di una persona assolta che è ancora sospettabile (in primo grado), poi in secondo grado dire che la sentenza, mai appellata, è criptica. Per salvare “capre e cavoli”? Però i pubblici ministeri non l’hanno neppure appellata e per questo è passata in giudicato”.

    “Oltre a questo – ricorda – esiste pure una sentenza europea sulle fiction, che ha stabilito quali siano i parametri da rispettare”.

    “Ringrazio ancora e con sincero affetto l’avvocato Gabriele Zanobini – conclude Francesca Calamandrei – e i figli, Nicola e Marco, per l’encomiabile lavoro. Ma anche per la passione ed il sostegno che non mi hanno mai fatto mancare”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...