mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Pagamento Tari pubblici esercizi: interrogazione di Daniela Manzoli in consiglio comunale

    "A sindaco e giunta chiedo per quale motivo si debba pagare il canone intero e non solo quello per i mesi in cui si è lavorato, viste le chiusure dovue al Covid"

    SAN CASCIANO – La capogruppo in consiglio comunale di Centrodestra per l’alternativa, Daniela Manzoli, ha presentato una interrogazione (a risposta scritta) a sindaco e giunta sul tema della Tari, la tariffa rifiuti.

    Sulla quale nelle scorse settimane c’è stato un pesante (e pubblico) scambio di opinioni fra ristoratori e assessorato al bilancio del Comune di San Casciano.

    # Gandolfo (Ristoratori Toscana): “Aumenti della Tari del 20% a San Casciano, inaccettabile”

    “Ho fatto questa interrogazione scritta – spiega Manzoli – dove chiedo se per gli esercizi commerciali il canone del servizio svolto deve essere intero”.

    “Ovvero – riprende – per quale motivo si debba pagare il canone intero e non solo quello per i mesi in cui si è lavorato, viste le chiusure dovue al Covid”.

    “Ho chiesto anche – prosegue Manzoli – se il Comune ha contrattato con il gestore del servizio, Alia, per avere una eventuale diminuzione sul canone rispetto ai mesi di chiusura”.

    # Il Comune di San Casciano replica ai ristoratori: “Le loro affermazioni del tutto errate”

    “Anche perché – rimarca la consigliera di opposizione – Alia ha ritirato meno rifiuti, se non addirittura non è passata proprio in alcuni casi”.

    “Perché l’amministrazione comunale non ha ridefinito con Alia questi importi? – conclude Manzoli – E il gestore si è dichiarato più o meno disponibile a venire incontro all’amministrazione comunale per la riduzione del canone?”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...