spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Processo ex vertici ChiantiBanca, tante assoluzioni. Solo 4 condanne (destinate alla prescrizione)

    Dai 16 ai 10 mesi per ex dg, ex presidente, ex vice presidente e ex presidente collegio revisori (per ostacolo alla vigilanza). Tutte assoluzioni invece per false comunicazioni sociali

    SAN CASCIANO – E’ stata emessa oggi, giovedì 27 maggio, la sentenza nell’ambito del processo in primo grado agli ex vertici di ChiantiBanca, in carica nel 2015 e 2016.

    Vertici che vennero travolti in seguito a una ispezione della Banca d’Italia, alla quale fecero seguito le dimissioni e, poi, l’inchiesta condotta dalla Magistratura fiorentina.

    Il primo grado del processo (svoltosi con rito abbreviato) va quindi agli archivi con molte assoluzioni e solo quattro condanne, destinate peraltro (con il ricorso al secondo grado di giudizio da parte dei condannati) a essere cancellate dalla prescrizione.

    L’ex direttore generale Andrea Bianchi è infatti stato condannato a un anno e quattro mesi. L’allora presidente Claudio Corsi a dieci mesi.

    L’ex vicepresidente Stefano Mecocci e l’ex presidente del collegio dei revisori Enzo Barbucci a 14 mesi.

    Per tutti e quattro, la condanna è relativa al capo di imputazione di ostacolo all’esercizio delle funzioni di autorità pubbliche di vigilanza (ovvero Banca d’Italia).

    In pratica, secondo la tesi dell’accusa accolta dal giudice con le condanne, all’organo di vigilanza sarebbero state fornite comunicazioni non veritiere in merito ad alcuni passaggi sullo stato patrimoniale della banca. 

    Condanne che, con il ricorso al secondo grado di giudizio, andranno peraltro a dissolversi con la caduta in prescrizione del reato. 

    Assoluzione (per la non sussistenza del fatto) invece altri 11 ex amministratori (tutti assolti anche per ostacolo alla vigilanza), oltre che per i quattro già ricordati sopra, per l’imputazione di false comunicazioni sociali.

    Giovedì 25 marzo i pm che si sono occupati della vicenda (Luca Turco e Giuseppe Ledda), avevano chiesto condanne da 2 a 3 anni.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua