spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 10 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano Civica e Lega: “Consiglio comunale in videoconferenza. Ma Pd e sindaco fanno cena con 140 persone”

    "Incredibile che il presidente del consiglio comunale abbia stabilito anche l'orario della fine della prosima seduta. Valuteremo se rivolgersi alle autorità competenti per far chiarezza"

    SAN CASCIANO – “Ci stupisce che anche il prossimo consiglio comunale che ci sarà giovedì 23 luglio, sia stato nuovamente convocato in modalità “a distanza”! Non comprendiamo perché tutti gli incontri istituzionali: consigli comunali, commissioni e riunioni dei capigruppo continuino ad essere effettuati in videoconferenza e non “in presenza”, come invece oramai avviene nella maggior parte dei Comuni (nel Comune di Barberino Tavarnelle già dal mese di giugno)”.

    A dirlo sono i gruppi consiliari di opposizione San Casciano Civica e Lega Salvini Premier.

    Che incalzano: “Tale scelta, necessaria in piena emergenza Covid, al momento non risulta giustificabile, perché rispettando la normativa vigente, assicurando quindi il distanziamento sociale e l’uso dei mezzi di protezione, si potrebbe tranquillamente “rianimare” la sala del consiglio comunale di San Casciano”.

    “Le discussioni in videoconferenza – aggiungono – sono sempre frammentate ed interrotte. Ricordiamoci che la rete ancora non è efficientissima e la fibra non è presente in alcune zone del nostro territorio”.

    Poi, una stilettata, dopo molte polemiche sui social nei giorni scorsi: “Tale scelta, diventa poi una beffa davanti alle foto apparse sui mass media locali della cena di beneficenza (ma soprattutto di campagna elettorale per le prossime elezioni regionali), con ben 140 persone presenti, organizzata dal Partito democratico presso il circolo Arci di San Casciano a cui ha
    chiaramente partecipato anche il nostro sindaco Roberto Ciappi“.

    # FOTO / In 140 a tavola alla casa del popolo per sostenere le popolazioni del Mugello colpite dal terremoto

    “Dato che nemmeno per una conferenza dei capigruppo – rilanciano – che è costituita da sole 7 persone, è possibile riunirsi in presenza nella sala consiliare, chiederemo al presidente della casa del copolo di San Casciano se potrà concederci per i prossimi incontri istituzionali i locali a sua disposizione. A vedere dalle immagini apparse pubblicamente, forse dovute ad uno “schiacciamento prospettico da obiettivo”(?), il distanziamento sociale e l’uso delle mascherine appare un po’ confuso…”.

    “Certo però – scrivono ancora San Casciano Civica e Lega – trattandosi di un circolo, per poter accedere all’interno dei locali è richiesta la tessera di socio, operazione che sicuramente viene verificata ogni volta che i cittadini entrano nel circolo stesso per i più svariati motivi, anche solo, ad esempio, per prendere un caffè, mangiare una pizza o per svolgere nelle sale interne riunioni per le quali vengono affittate stanze, come ad esempio per effettuare assemblee condominiali”.

    “Restando in tema di convocazione del prossimo consiglio comunale – sono ancora parole dei due gruppi di opposizione – restiamo basiti del fatto che il presidente del consiglio abbia imposto l’orario di fine. Il consiglio comunale ci sarà alle 20.30 (con inizio alle ore 21) e si concluderà forzatamente alle ore 24! Mai vista una cosa del genere! Stabilire a priori la fine di un consiglio comunale! E prima ancora di sapere quali mozioni e interrogazioni ci sarebbero state all’ordine del giorno, perché mancavano ancora dei giorni al termine della loro presentazione (entro le 13 del 17 luglio)”.

    “Il Regolamento del consiglio comunale – ricordano – stabilisce testualmente, al comma 4 dell’Art. 21: “La convocazione del Consiglio è fatta dal Presidente del Consiglio che stabilisce giorno ed ora della seduta o di più sedute successive”. Quindi non gli attribuisce nessun potere di stabilirne l’orario di chiusura. Il comma 12 dell’Art. 21, menzionato dal Presidente stesso nella convocazione, gli attribuisce il potere di stabilire la durata totale della discussione ed il tempo massimo di ciascun intervento, ma è ovvio che il riferimento è al tempo relativo alla discussione delle mozioni, di cui infatti si parla nel comma precedente. Comunque, nello stesso comma, viene stabilito che tale potere può essere esercitato d’intesa con la conferenza dei capigruppo. Nella conferenza dei capigruppo avvenuta lo scorso 10 luglio, (e di cui chiederemo copia della videoregistrazione) non c’è stata alcuna intesa a riguardo, ma solo l’imposizione del giorno e dell’ora di inizio e chiusura del consiglio, nonostante avessimo espresso il nostro disaccordo soprattutto in ragione del fatto che il termine per la presentazione di mozioni e interrogazioni non era ancora scaduto”.

    Il gruppo consiliare San Casciano Civica, aveva allora chiesto, “unitamente al capogruppo di
    maggioranza di Sinistra per San Casciano, la possibilità di anticipare l’orario di inizio del consiglio comunale. Richiesta non accolta per un impegno del presidente del consiglio nel pomeriggio del medesimo giorno”.

    “Allora – sottolineano – la domanda nasce spontanea: come mai non è stato proposto un altro giorno dal presidente? Come mai è stata imposta un’ora di chiusura del consiglio senza ancora sapere quanti e quali argomenti sarebbero stati trattati? Ci viene il dubbio che il motivo possa essere l’annunciata assenza al prossimo consiglio del capogruppo del Partito democratico”.

    “Certo – aggiungono ancora – riconosciamo che il capogruppo del Pd è uno dei pochissimi della maggioranza, a formulare interventi durante le sedute, interventi ormai famosi per le sue super… spiegazioni e che quindi lasciare la povera maggioranza così sguarnita sarebbe stato un problema”.

    “Forse ancora non è chiaro a tutti – concludomo – ma noi lo ricordiamo, il consiglio comunale è il massimo organo rappresentativo della comunità locale, interprete permanente della volontà popolare. Ma, un consiglio comunale così gestito, è veramente l’espressione di una vera democrazia? Valuteremo nei prossimi giorni se rivolgersi alle autorità competenti per far chiarezza su quanto accaduto”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...