spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Via Scopeti è un pozzo… senza fondo. Trovati altri ordigni della seconda guerra mondiale

    Dopo quello rimosso dagli artificieri nei giorni scorsi, la ditta che sta lavorando in questo tratto ne ha trovati altri. E adesso?

    SAN CASCIANO – Sono passati pochi giorni da quando gli artificieri dell’Esercito Italiano sono intervenuti in via Scopeti per rimuovere una granata d’artiglieria da 15 cm HE (High Expolsive).

    # Il passato che riaffiora: a San Casciano disinnescati due ordigni bellici in un giorno

    Ma nel pomeriggio di oggi, giovedì 17 febbraio, gli operai che stavano proseguendo i lavori per conto di Publiacqua, si sono dovuti fermare e chiamare di nuovo i carabinieri della Stazione di San Casciano.

    Che dopo una prima verifica, hanno delimitato il cantiere: poiché dal terreno sono venuti alla luce altri ordigni.

    Si fa quindi sempre più consistente l’ipotesi che all’inizio di via Scopeti i tedeschi in ritirata nell’estate del 1944 abbiano posizionato gli ordigni per rallentare l’avanzata degli Alleati.

    Perché non siano stati fatti saltare, rimarrà per sempre un mistero, ma ancora una volta siamo a scrivere di una guerra avvenuta 77 anni fa. 

    Adesso c’è da capire quanti siano gli ordigni. E che tipo di bonifica si renderà necessaria, con i riflessi su chi vive in questo tratto di via Scopeti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...