spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La serata di degustazione al Crc Antella è dedicata all’Amarone della Valpolicella-Valpantena

    Appuntamento con i sommelier professionisti martedì 27 novembre dalle 20,30. Costo della serata 30 euro

    ANTELLA (BAGNO A RIPOLI) – Martedì 27 novembre torna il consueto appuntamento con i sommelier invitati dal "gruppo degustazioni" del Circolo ricreativo culturale di Antella che invita all'evento dal titolo "Gustiamoci i grandi vini Bianchi e Rossi Italiani" dedicato stavolta all'Amarone.

     

    In tavola saranno serviti: Corte dei Castaldi,  Amarone Classico Docg 2014 – Az.Agr. Poggi Giorgio – Affi (VR) che accompagna l'antipasto di Prosciutto, salame, finocchiona, formaggio veneto; l'Amarone Classico Docg 2013 – Az. Brunelli – San Piero in Cariano (VR) servito insieme al risotto zucca gialla e taleggio; infine  l'Amarone Classico Docg 2010  – Tenute Salvaterra – Loc. Cengia – S.P. in Cariano  (VR) sarò da degustare insieme al gran pezzo di vitello contorno patate al forno.

     

    La serata inizia alle 20,30 e ha un costo di 30 euro. Come al solito ogni vino è illustrato da sommelier professionisti. Iscrizioni entro il  26 Novembre presso la segreteria del  C.R.C. Antella  Tel. 055/621207 e/o Conti Alessandro  3298052802

     

     

             

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...