giovedì 2 Luglio 2020
Altre aree

    Apre nel Chianti il primo istituto superiore vocato alla formazione degli agricoltori del futuro

    La scuola (parte a settembre a San Casciano), promossa dai Comuni di Barberino Tavarnelle, San Casciano, Greve e Bagno a Ripoli. Gestita da Chiantiform

    CHIANTI FIORENTINO – Apre nel Chianti fiorentino il primo istituto superiore vocato alla formazione degli agricoltori del futuro.

    Una scuola triennale per l’istruzione e la formazione professionale per operatore agricolo.

    Si chiama Agr.I. For. Chianti e dà nome all’importante opportunità finanziata dalla Regione Toscana, attraverso fondi ministeriali, nell’ambito di GiovaniSì, rivolta a giovani di età compresa tra i 14 e i 18 anni.

    La scuola aprirà a settembre a San Casciano con una modalità innovativa in cui le 3.165 ore complessive si alterneranno tra lezioni in aula e in vigna. Il secondo ciclo di studi dell’obbligo, attivo in forma inedito nell’area del Chianti, debutterà con una classe costituita da 25 allievi.

    La scuola è promossa dai Comuni del Chianti fiorentino (Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti, San Casciano, Bagno a Ripoli), ed è gestita da Chiantiform.

    “Un punto di forza che caratterizza questa opportunità formativa – dichiarano i sindaci del Chianti – è l’investimento che la rete pubblico-privato lancia sul binomio formazione e lavoro, grazie alla collaborazione delle imprese agricole presenti nei territori che aderiscono al progetto i giovani potranno effettuare il loro periodo di stage, farsi conoscere e augurarsi di essere assunti. Crediamo che per i giovani allievi questa scuola possa rappresentare una concreta opportunità di impiego nel settore agroalimentare nei nostri territori”.

    Le iscrizioni sono aperte fino al 1 settembre 2020. La formazione è gratuita e la frequenza obbligatoria.

    L’obiettivo del percorso triennale, oltre all’acquisizione, da parte degli allievi, delle competenze di base utili all’assolvimento dell’obbligo di istruzione, è la formazione di una figura con un’ampia preparazione in ambito agricolo in relazione a tutte le operazioni relative alla lavorazione e alla fertilizzazione dei terreni.

    Alle semine, ai trattamenti fitosanitari, alle potature, alla raccolta e a tutte le altre lavorazioni agronomiche e di coltivazione delle produzioni arboree, erbacee, ortofloricole.

    I futuri agricoltori collaboreranno nella gestione dell’azienda, compresa la cura e la manutenzione delle attrezzature utilizzate, ed effettueranno varie operazioni sui prodotti dell’azienda, dalla trasformazione fino alla vendita.

    Gli obiettivi professionalizzanti del percorso corrispondono a quelli della qualifica di III livello EQF di “Addetto agli interventi tecnici ed agronomici sulle coltivazioni e alla gestione di impianti, macchine ed attrezzature”.

    Gli operatori saranno formati per la conduzione delle produzioni arboree, erbacee ed ortofloricole, la gestione degli impianti, delle macchine e delle attrezzature, la pianificazione e l’organizzazione delle fasi di sviluppo dei processi.

    I giovani, una volta diplomati operatori agricoli, potranno occuparsi anche della produzione aziendale, dalla trasformazione alla vendita dei prodotti, della verifica e controllo delle attività.

    La scuola prevede l’acquisizione di competenze, come previsto dalla normativa, linguistiche, matematiche, scientifiche, tecnologiche; storico, socio-economiche.

    Info e iscrizioni: sede Chiantiform, via Roma, San Casciano Val di Pesa, cell. 349 3371547, email: [email protected].

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...