spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La vuole organizzare il Comune nel 2014: appello per trovare tutto il materiale possibile

    RADDA IN CHIANTI – L’amministrazione comunale di Radda in Chianti, in collaborazione con le associazioni locali, vorrebbe realizzare in occasione del 70° anniversario della Liberazione (il passaggio del fronte avvenne nel giugno-luglio 1944) una mostra fotografica e documentaria dei militari raddesi che hanno partecipato a vicende belliche del secolo scorso

     

    "A questo proposito – fanno sapere dal Comune di Radda – è necessario reperire materiale fotografico di militari ed eventi bellici, in possesso delle famiglie. Questo sarà riprodotto digitalmente dal fotografo Martino Balestreri con studio a Radda in Chianti, in via Chiasso dei Portici (galleria) e restituito immediatamente senza nessuna spesa".

     

    "Si precisa – concludono dal Comune – che interessa solo materiale di persone nate a Radda e non di coloro che vi si siano trasferiti successivamente; sarà gradito anche materiale fotografico di persone che abbiano fatto il militare in epoca successiva al 1945 (fino giorni nostri) per poter realizzare un archivio da utilizzare eventualmente per altre manifestazioni future".

     

    Chiunque fosse interessato puo’ chiedere maggiori informazioni a: Martino Balestreri 0577 738914; Maurizio Carnasciali 338 1455912; Carlo Gagliardi – Comune di Radda in Chianti 0577 739638.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...