spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il sindaco di Castelnuovo: “Dobbiamo essere uniti nella lotta alla mafia”

    CASTELNUOVO BERARDENGA – "Saremo al fianco del sindaco Jacopo Armini, dei rappresentanti della Regione Toscana, della Provincia di Siena, dell'Arci e dell'associazione Libera di Siena e di tutti gli altri enti e associazioni aderenti, per dire no all’asta per Suvignano e per continuare insieme la lotta alla mafia e l’impegno per la difesa della legalità”.

     

    A dirlo è il sindaco di Castelnuovo Berardenga, Roberto Bozzi che annuncia la partecipazione dell’amministrazione comunale castelnovina alla manifestazione per dire “No all’asta per Suvignano” che si terrà domenica 8 settembre a Monteroni d’Arbia.

     

    “Lasciare che la tenuta agricola venga venduta all’asta – continua il primo cittadino – sarebbe come cancellare il percorso e l’impegno contro ogni forma di ingiustizia che questa provincia porta avanti da molti anni. Suvignano è simbolo di questa lotta, dell’obiettivo comune che unisce le istituzioni e le associazioni".

     

    "Per questi motivi – conclude – abbiamo deciso di aderire alla manifestazione dell’8 settembre e, insieme a tutti i partecipanti, ribadiremo il valore del progetto di rilancio economico della struttura basato sulla filiera corta e il risparmio energetico. Ma soprattutto crediamo che questo progetto sia fondamentale per rispettare il valore imprescindibile e fondamentale della legalità alla base di una democrazia degna di tale nome”.

     

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...