spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Intento in lavori di potatura, ha urtato un cavo elettrico a 15mila volts

    CASTELLINA IN CHIANTI – Dramma a Castellina in Chianti dove questa mattina, in un incidente sul lavoro, ha perso la vita un operaio di origine albanese di 46 anni residente a Siena: è morto folgorato da una scarica.

     

    Dalle prime ricostruzioni dei fatti l'uomo, che lavorava in una ditta che fa lavori di giardinaggio, stava eseguendo dei lavori di potatura di alcuni alberi su un carrello elevatore lungo la strada provinciale 429, nei pressi di un’azienda agricola, quando, scendendo, avrebbe fatalmente urtato un cavo elettrico di media tensione da 15mila volts.

     

    E' morto sul colpo: lascia la moglie e un figlio: i sanitari del 118 una volta arrivati non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. Oltre ai medici e paramedici sono intervenuti anche i carabinieri di Castellina in Chianti e i vigili del fuoco di Siena.

     

    Sia l'area dell’incidente che il mezzo sul quale l’uomo stava lavorando sono stati messi sotto sequestro. E' stato aperto un fascicolo d’inchiesta su cui indagano la polizia giudiziaria dei vigili del fuoco di Siena e i carabinieri di Castellina in Chianti.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...