mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Radda in Chianti premia Giani e il centrosinistra: coalizione al 47,03% (e Pd al 37,54%)

    Nel campo del centrodestra, risultato comunque consistente di Susanna Ceccardi, che sfiora il 44%. Con la Lega sopra al 23% e Fratelli d'Italia quasi al 13%

    RADDA IN CHIANTI – Radda in Chianti premia la proposta di centrosinistra alle regionali di ieri, domenica 20 settembre, e oggi, lunedì 21 settembre.

    La coalizione guidata da Eugenio Giani nelle due sezioni raddesi raggiunge il 47,03%, con il Partito democratico ampiamente prima lista al 37,54%.

    Nel campo del centrodestra, risultato comunque consistente di Susanna Ceccardi, che sfiora il 44%. Con la Lega sopra al 23% e Fratelli d’Italia quasi al 13%.

    EUGENIO GIANI (Centrosinistra)_ 47,03%

    • Sinistra Civica Ecologista_ 3,16%
    • Orgoglio Toscana Per Giani Presidente_ 0,7%
    • Europa Verde Progressista Civica_ 0,7%
    • Svolta!_ 0,7%
    • Italia Viva – +Europa_ 5,61%
    • Partito Democratico_ 37,54%

    SUSANNA CECCARDI (Centrodestra)_ 43,72%

    • Giorgia Meloni Fratelli d’Italia_ 12,98%
    • Lega Salvini Premier_ 23,16%
    • Forza Italia – Udc_ 3,86%
    • Toscana Civica Per il Cambiamento_ 0,35%

    IRENE GALLETTI (MoVimento 5 Stelle)_ 5,1%

    • MoVimento 5 Stelle_ 6,32%

    TOMMASO FATTORI (Toscana a Sinistra)_ 1,66%

    • Tommaso Fattori_ 1,4%

    SALVATORE CATELLO (Partito Comunista)_ 0,55%

    • Partito comunista_ 0,7%

    TIZIANA VIGNI (Movimento 3V)_ 0,97%

    • Movimento 3V_ 1,4%

    MARCO BARZANTI (Partito Comunista Italiano)_ 0,97%

    • Partito comunista italiano_ 1,4%

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...