spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E’ accaduto domenica 7 luglio a Castelnuovo Berardenga: soccorsi inutili

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Chianti senese sotto choc: dopo l'incidente stradale mortale, che sabato 6 luglio aveva visto morire un 32enne sulle strade di Gaiole in Chianti (clicca qui per leggere l'articolo), domenica 7 luglio una seconda, drammatica notizia, ha funestato l'estate chiantigiana.

     

    E' quella avvenuta nel territorio di Castelnuovo Berardenga dove, attorno alle 11.30 della mattina, un ragazzo di 16 anni è rimasto schiacciato sotto a un trattore ribaltato.

     

    La ricostruzione è al vaglio del pm senese Nicola Marini, ma dalle prime notizie parrebbe che il giovane fosse alla guida del mezzo in un terreno di proprietà della sua famiglia. Qui avrebbe perso il controllo del mezzo, che sarebbe andato avanti fino a una sorta di terrazzamento. Dove si sarebbe ribaltato schiacciando il giovanissimo.

     

    L'allarme sarebbe stato dato dal padre, che pare si trovasse nelle vicinanze. Inutili i soccorsi: il giovane avrebbe compiuto 17 anni in agosto ed era una promessa con il pallone fra i piedi. Sul posto, insieme ai sanitari del 118, sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri del comando di Siena.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...