spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lo ha comunicato il sindaco di Castelnuovo B.ga Bozzi in consiglio comunale

    La variazione di assestamento al bilancio di previsione 2012 è stato il tema principale del consiglio comunale di Castelnuovo Berardenga riunitosi ieri, venerdì 30 novembre.

     

    “L’assestamento – ha spiegato l’assessore Letizia Pacenti – ha solo previsto spostamenti non eccessivi confermando nel complesso il bilancio di previsione. Le modifiche si sono rese necessarie anche in seguito al d.l. 174/2012 con il quale è stato modificato il saldo del Patto di Stabilità. Il nostro Comune avrebbe a disposizione 39mila che però è obbligato ad utilizzare per abbattere il debito, pena la perdita dei finanziamenti statali di uguale importo per l’anno 2013. Per ottimizzare tale previsione abbiamo chiesto di estinguere dei mutui che produrranno il risultato di non perdere i 39mila di trasferimenti nel 2013 e di risparmiarne altrettanti dalle rate annuali del mutuo estinto”.

    IMU

    “Le incertezze in termini di risorse previste per il 2013 – ha spiegato l’assessore – hanno reso necessaria una modifica delle aliquote Imu. E’ rimasta comunque la volontà di lasciare invariata la tassa sulla prima casa per sostenere soprattutto le fasce più deboli della popolazione di cui la prima casa e’ bene primario. Le modifiche rispecchiano quanto inserito nell’accordo stipulato insieme ai sindacati nei mesi scorsi in merito alle linee guida per il bilancio preventivo 2012".

     

    "L’aliquota sulla prima casa – ha proseguito – resta quindi, del 4% mentre abbiamo aumentato quelle relative alle seconde case sfitte e ai terreni edificabili con un’aliquota dell’1,6%, Per le seconde case date in comodato d’uso o in affitto, a seconda della categoria, l’aliquota concordata va dallo 0,76% all’1%. Per quanto riguarda il mondo agricolo, infine, l’imposta è dello 0,18%”. Le aliquote così applicate, dovrebbero permettere un gettito tale da far fronte ai maggiori trasferimenti richiesti dalla Asl per la copertura della spesa sociale e di garantire la copertura per il fondo affitti non alimentato per il 2012 dalla Fondazione Mps. Tutte le informazioni sulle nuove aliquote sono già disponibili sul sito internet istituzionale del Comune di Castelnuovo Berardenga. Sempre sul sito è possibile calcolare l’imposta e consultare il regolamento di applicazione.

    TASSA DI SOGGIORNO

    “La riscossione della tassa di soggiorno – ha aggiunto Il sindaco Roberto Bozzi durante la seduta – ha registrato un saldo positivo di 200mila euro, un incasso maggiore rispetto al previsto e che ha permesso di portare il bilancio in pareggio e di destinare le risorse alla manutenzione della rete viaria, alla salvaguardia e tutela dell'ambiente e al sostegno delle iniziative culturali".

     

    "Grazie al lavoro di tutta l’amministrazione e degli imprenditori locali – ha concluso – il turismo si è confermato uno dei motori di sviluppo principali del nostro territorio. Inoltre in diversi casi il numero di ospiti è stato superiore rispetto al 2011 che è stato comunque un anno positivo per il turismo”.

     

    La tassa di soggiorno nel Comune di Castelnuovo Berardenga è stata applicata secondo le modalità del regolamento definito in concertazione con gli altri Comuni del Chianti fiorentino e senese, i Comuni di Bagno a Ripoli e Impruneta e le associazioni di categoria locali.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...