spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sono ben 65 i wine resort censiti dal Centro Studi Turistici nella regione

    Turismo e vino, un connubio che non può che avere la Toscana tra le sue destinazioni d’eccellenza. Vincitrice dell’ultima edizione del "Travelers’ Choice Wine Destinations Awards" di TripAdvisor, la nostra regione è oggi la miglior destinazione europea per milioni di amanti del vino di tutto il mondo. Un primato, quello toscano, che poggia le basi su un’offerta enologica di altissimo livello, a cui fa da accompagnatore un sistema ricettivo di assoluto pregio, che trova nei suoi wine resort la sua vera eccellenza.
     

    Sono 65 i wine resort presenti sul territorio regionale, come risulta da una recente mappatura realizzata dal Centro Studi Turistici su commissione di Toscana Promozione. "Di questi -siegano da Toscana Promozione – ben 15 rientrano a pieno titolo nella categoria extra lusso mentre gli altri 50 in quella lusso. Numeri che fanno della Toscana una delle destinazioni più importanti al mondo per il turismo luxury legato al vino".

     

    "Fascia alta – proseguono – di un fenomeno, quello del turismo del vino, che secondo i dati divulgati in occasione dell’ultima edizione dell’International Wine Tourism Conference vale oggi, in Italia, ben 5 miliardi di euro con flussi turistici che all’87% vengono dall’estero e, principalmente: il 20% dalla Germania, l’8% dagli Stati Uniti e un 2% da Paesi orientali. Numeri già significativi ma che, secondo gli esperti, rappresentano solo il 20% delle potenzialità di questo segmento d’offerta".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua